Wikileaks

Libertà d’informazione: al via il “Patto Julian Assange”

3.295 accessi unici

Finalmente dopo sette settimane di incontri per dare vita al “Patto Julian Assange”, si sono conclusi qualche giorno fa i lavori dell’Assemblea Costituente. L’Assemblea è costituita da una trentina di soggetti, il cui obiettivo è quello di impegnarsi nella diffusione della Libera Informazione. Da anni producono contenuti ispirati alla Libertà di Opinione, all’Attuazione della Costituzione

L’ultima battaglia del leone Sanders

/
0 accessi unici

Le primarie dem americane sembrano essersi fermate al 2016, imbrigliate in dilemmi che appaiono sempre più difficili da risolvere. A chi affidarsi per fronteggiare il populismo “à la page” incarnato da Donald Trump? Dopo la piccola rivoluzione operata dal Super Tuesday, i dubbi da risolvere tra i liberal sembrano irrisolvibili rompicapo, alla luce anche dalla

Con Assange va a processo anche la libertà d’informazione

/
0 accessi unici

Si è aperto a Londra, due giorni fa, il processo contro il fondatore di Wikileaks, Julian Assange. Si tratta del primo passo verso la richiesta d’estradizione, inoltrata dagli Usa alle autorità britanniche, nei confronti dell’editore-hacker australiano reo di aver “cospirato” (in collaborazione con Chelsea Manning) contro gli interessi nazionali statunitensi. Un’udienza, peraltro, a cui sono

Davide Dormino: the Italian artist who brings Assange, Snowden and Manning in the European squares

/
0 accessi unici

This sculpture is our voice, our support for their courage in defense of the truth. It is the monument of all, not of a political or religious creed, not of a single Country, that’s the reason why it travels through the squares of the world. This is how artist Davide Dormino, Friulian by birth but

Davide Dormino: l’artista italiano che porta Assange, Snowden e Manning nelle piazze europee

/
0 accessi unici

«Questa scultura è la nostra voce, il nostro sostegno per il loro coraggio in difesa della verità. È il monumento di tutti, non di un credo politico o religioso, non di un paese solo, per questo motivo viaggia per le piazze del mondo». Così l’artista Davide Dormino, friulano di nascita ma romano d’adozione, presenta ai

Quota 500… ma non andiamo in pensione

/
0 accessi unici

Domenica scorsa abbiamo superato un piccolo traguardo simbolico: quello dei primi 500 articoli pubblicati. Considerando che la settimana prossima saranno 5 mesi esatti dalla prima pubblicazione on line (25 giugno), possiamo anche dire che è un risultato considerevole. Certo non possiamo competere con le grandi testate nazionali ma, più di una volta, abbiamo dato loro

Come Wikileaks svelò l’inferno di Guantanamo

0 accessi unici

La Convenzione di Ginevra è chiara: “I prigionieri di guerra devono essere trattati sempre con umanità. Ogni atto od omissione illecita da parte della Potenza detentrice che provochi la morte o metta gravemente in pericolo la salute di un prigioniero di guerra in suo potere è proibito e sarà considerato come un’infrazione grave alla presente

Nei 600mila messaggi pubblicati da Wikileaks c’è la verità sull’11 settembre

0 accessi unici

Parafrasando una nota serie televisiva, negli anni abbiamo imparato a conoscere Wikileaks come “la casa di carte” (confidenziali) più importante della rete. Grazie alla piattaforma creata da Julian Assange, la comunità mondiale è entrata in possesso del materiale con cui l’hacker-editore-giornalista australiano ha colpito al cuore, facendo leva sulla totale trasparenza delle informazioni pubblicate, istituzioni,

Who Assange is: the man with no half measures

0 accessi unici

No one has been able to arouse hate and admiration, enthusiasm and contempt in equal measure like Julian Assange. And yet, beyond his own enigmatic figure, a divisive subject for a thousand reasons, the impact of his work on investigative journalism and press freedom sparked the debate around the Wikileaks leader. What is, then, Assange?

Wikileaks, the bastion in defense of Truth and Knowledge

0 accessi unici

My crime is impossible to atone for. Not even after seven years of hard prison, full of abuses. 1 This is what Chelsea must have thought before the grand jury on the morning of March 8th 2019. Manning, aware of the consequences, firmly rejected the umpteenth request of the court, oriented to frame Assange (guilty