Whatsapp

Telegram: per non farti spiare

22.905 accessi unici

Zoom, Webex, Skype, Google Hangouts, Microsoft Team: questo sono solo alcune delle piattaforme di cui abbiamo parlato qui e qui, mettendo a confronto le principali soluzioni per smart working e videocalls online. A questo appello mancava almeno una voce, che sta divenendo sempre più popolare: quella di Telegram, l’App di messaggistica fondata sette anni fa

Gioie e… dolori della DAD (didattica a distanza)

0 accessi unici

Il primo giorno è passato come una domenica qualunque, anche se era martedì. Avevo fatto la spesa settimanale, lunedì, senza sapere che la sera le porte di casa si sarebbero chiuse per tutta l’Italia. Mi riposerò, mi sono detta, sono tanto stanca. Euforia al pensiero di non dovermi svegliare presto, di non dover correre in

Cyberbullismo: ormai è un allarme sociale

0 accessi unici

Prima parte – Ieri, 5 febbraio, era il Safer Internet Day, la giornata dedicata all’uso responsabile della rete; un’occasione per richiamare genitori e figli a prestare attenzione ai pericoli della rete: primo fra tutti il cyberbullismo. Cyberbullismo è il termine che indica un tipo di attacco continuo, ripetuto e sistematico attuato mediante la rete internet

2019: l’“annus horribilis” di re Zukerberg

0 accessi unici

Per Facebook si chiude un anno con molte grane legate alla violazione della privacy. Il sempre meno popolare social-network, infatti, ha dovuto affrontare problemi di varia natura: da quelli giudiziari (con cause legali in diversi Paesi del mondo con richieste di risarcimenti mosse da associazioni di tutela dei consumatori), a quelli commerciali (eliminando prodotti dal

Piccola guida alla difesa personale… della privacy (2)

0 accessi unici

Con la prima puntata della nostra piccola guida, che abbiamo scherzosamente definito “a prova di paranoico”, abbiamo iniziato a passare in rassegna alcuni tra i principali strumenti offerti dalla rete per ridurre al minimo i rischi rappresentati dalle tracce digitali che, piaccia o no, abbiamo lasciato e inevitabilmente tendiamo a lasciare ogni giorno anche solo

Piccola guida alla difesa personale… della privacy (1)

0 accessi unici

Nelle nostre precedenti riflessioni abbiamo visto alcuni dei principali strumenti disponibili online per sapere tutto della nostra vita in rete (e non solo): o, almeno, di quello che gli altri sanno e possono sapere di noi. Dati, però, i confini davvero sterminati della rete, la domanda nasce spontanea: visto che abbiamo lasciato “scorie” di noi

Bambini e web: soli e mal accompagnati

0 accessi unici

Il mondo virtuale ha ormai reclutato anche i preadolescenti, in una fascia di età molto delicata e sensibile. Il 54% dei preadolescenti inizia, infatti, la sua vita in rete tra gli 11 e i 12 anni e il 12% prima dei 10 anni. Pare che quasi tutti, quindi, riescano ad aggirare gli sbarramenti posti. Ciò avviene,

Truffe online: occhio ai social

0 accessi unici

In questo periodo dell’anno in cui molti di noi stanno organizzando le vacanze natalizie, guardando su internet offerte per spendere meno, bisogna prestare massima attenzione ai social-network. È in atto, infatti, una vera e propria truffa online con lo scopo di trarre in inganno l’utente per rubargli i propri dati. Come funziona? Attraverso un “innocuo”

Tecno-sfide (6): dalla “censura del chiasso” alla dittatura del pensiero unico

0 accessi unici

Tutti conosciamo il significato del termine “censura” nella sua logica di “cancellazione” di contenuti o affermazioni ritenuti scomodi per chi può esercitare questo potere. La storia è piena di esempi di opinioni, scritti o pensieri che sono stati “censurati” dal potere di turno. L’avvento di Internet, negli anni Ottanta del secolo scorso, fece balenare agli

Hong Kong: proteste “tecno-social” senza speranza

0 accessi unici

Ancora una volta siamo a raccontarvi un’altra verità, quella che non piace all’informazione globalizzata. Cosa sta succedendo a Hong Kong? Secondo i media nazionali è in corso una “rivolta”, una “insurrezione” popolare di cui non sono ben chiari i “mandanti”, le richieste e le prospettive. Tutto falso. Prima di tutto inesatto parlare di “rivolta” e