Protezione Civile

Il giallo delle autopsie vietate

/
30.420 accessi unici

Niente autopsie per i morti da coronavirus e cremazioni immediate. Sembra la trama di una spy story, strategia perfetta per far sparire qualsiasi possibilità di accertare le reali cause di morte. Invece è proprio quello che ha disposto il governo, e più precisamente il ministro della Salute, Roberto Speranza, contraddicendo gli anatomo patologi che indicavano

Ancora porti aperti per i negrieri del 2020

0 accessi unici

Il Mar Mediterraneo come tomba di uomini e civiltà. Pensavamo di esserci lasciati alle spalle le polemiche sugli sbarchi di immigrati sulle nostre coste e, invece, in piena emergenza Coronavirus, ci ritroviamo ancora invischiati nella retorica dei porti aperti che ferisce la sovranità nazionale e calpesta le leggi d’Italia. I numeri parlano chiaro. Nel raffronto

Deejay e musica dance: 10 giorni di diretta per raccogliere fondi

0 accessi unici

Non solo Bocelli, Bono degli U2 e star di rock e pop: a mobilitarsi per scaldare i cuori delle persone rinchiuse in casa e portare soldi nelle casse di chi lavora in prima linea per combattere lo stramaledetto coronavirus, c’è anche in mondo della musica dance. Il suono martellante del basso ha cominciato “a pompare”

Il tragico walzer delle mascherine

/
0 accessi unici

Mascherine sì, mascherine no. Mascherine vere, mascherine tarocche. Se la situazione non fosse tragica si potrebbe pensare a un balletto ironico sulle note de “La terra dei cachi” di Elio e le Storie Tese. Purtroppo, il dramma è reale e il “balletto” è soltanto l’ennesimo atto vergognoso da parte di chi sta dimostrando di non

Un’altra Italia c’è

/
0 accessi unici

Per fortuna che non c’è solo l’Italia di Conte, Gualtieri, Arcuri e Borrelli, quella dei bugiardi e irresponsabili che sembrano fare a gara a rendere più difficile la situazione di emergenza. C’è anche un’altra Italia che, forse, dovremmo chiamare la Vera Italia, quella dei medici e degli infermieri sempre in prima linea nonostante la carenza

Italia: Paese di santi e di dannati, di eroi e di cialtroni

0 accessi unici

Stiamo vivendo un dramma, certo, ma è una caratteristica umana quella di cercare di ricavare informazioni, insegnamenti e conferme anche dalle situazioni più difficili, forse soprattutto da queste. Quando si diceva che il governo Monti, per ordine dell’UE, aveva depauperato il sistema-Italia così come i bilanci familiari degli italiani, non si faceva della polemica a

I professionisti del Caos

/
0 accessi unici

Non è una questione politica, è una questione tecnica. Nei momenti delle difficoltà e di emergenza servono persone decise che comprendono la situazione e agiscono di conseguenza rapidamente. Non servono persone titubanti, burocrati ottusi, esperti in cavilli, perditempo e “furbastri”. Purtroppo per noi, invece, l’emergenza coronavirus è stata affrontata proprio da una banda di figuri

Calabria: tra assenti e presenti

0 accessi unici

La Calabria, come tutta l’Italia, sta fronteggiando l’emergenza coronavirus. Nella Regione che da 12 anni ha la Sanità commissariata, i numeri, seppur in aumento, sono ancora contenuti rispetto al Nord, ma la paura che il contagio possa esplodere anche qui è tanta, proprio per la situazione critica in cui versa la Sanità regionale da anni.

Dopo le bugie di Conte ora anche quelle di Borrelli

0 accessi unici

La menzogna è contagiosa: così se il premier fa il Pinocchio dicendo “non abbiamo sottovaluto nulla”, ecco ora che sono arrivate anche le frottole del capo dipartimento della Protezione Civile, Angelo Borrelli, rilasciate ovviamente alla “voce dei padroni”: Repubblica. Più uno legge, più la rabbia sale. Evidentemente anche Borrelli, come il presidente del Consiglio, pensa che

La Protezione Civile non sa comunicare

0 accessi unici

Di coronavirus si può morire ma, grazie a Dio, dal coronavirus si può anche guarire. A qualsiasi età, anche oltre i novant’anni, nonostante quello che ci raccontano. Lo hanno dimostrato le immagini della arzilla 95enne emiliana intervistata domenica all’ospedale da cui tra qualche giorno sarà dimessa e del centenario cinese che aveva lasciato l’ospedale di