PD

Il “sindaco dei ricchi” è la vergogna di Milano

5.560 accessi unici

Prima puntata – Pare non esserci limite alle figure indecenti di Giuseppe Sala, detto Beppe, sindaco dei ricchi… quando Milano era ancora ricca. L’ultima è la guerra mediatica scatenata contro il presidente della Regione Sardegna sui limiti che potrebbero essere imposti per i viaggi estivi dei milanesi. Sala finge di ignorare che la colpa è

Spot della Cirinnà sulla pelle dei bambini di Kiev

4.765 accessi unici

È stata la chiusura totale dei confini a portare alla luce un sordido traffico di esseri umani. Una tratta dei bambini, nati da uteri in affitto, che si è interrotta solo a causa della pandemia ma che, incredibilmente, ha ritrovato improvviso slancio, quanto meno nelle parole della solita senatrice Monica Cirinnà (Pd). Un nome il

INCHIESTA plasma (3): gli affari della famiglia Marcucci

7.610 accessi unici

È davvero strano l’assordante silenzio del ministro Roberto Speranza dinanzi alle manovre del suo Ministero (d’intesa con l’Agenzia del farmaco) per assegnare la sperimentazione nazionale sulla cura con il “plasma immune”. Come abbiamo visto ieri la capofila naturale di questa sperimentazione doveva essere Pavia o Mantova che (lo abbiamo documentato qui) sin da marzo hanno

INCHIESTA -2: a chi fa paura la cura con il plasma?

2.880 accessi unici

Seconda parte – Abbiamo visto ieri come la sperimentazione iniziata a Mantova dal dottor Giuseppe De Donno, in collaborazione con il Policlinico San Matteo di Pavia abbia dato subito ottimi risultati che sono diventati la base di un protocollo ormai mondiale per l’uso del plasma immune nella cura del Covid-19. Abbiamo visto, anche, come questo

10 domande al governatore Zingaretti

3.530 accessi unici

Ci sono tanti dubbi sulle vicende della Regione Lazio. Non a caso anche un Pm, Paolo Ielo, sta dando “un’occhiata” discreta a carte e documenti. Il dubbio è che si siano commessi vari reati legati all’inadempimento di contratti di pubbliche forniture, se non peggio. Intanto, però, un governatore come Nicola Zingaretti, peraltro leader nazionale di

La guerra del calcio e il mistero della FAQ sparita

1.690 accessi unici

Tra i tanti pasticci di questo governo c’è anche la questione del campionato di calcio. Qualcuno a Roma non vuole che la Serie A riprenda, mentre le società premono per tornare a giocare nella massima sicurezza. Così, Conte, con l’ennesimo decreto, aveva autorizzato dal 4 maggio la ripresa degli allenamenti per gli sport individuali, rinviando

La truffa mediatica di Walter Ricciardi

0 accessi unici

Nel nome della scienza o della politica? Nel nome della medicina o dell’appartenenza a un partito? In questi tempi in cui tutta l’informazione si affida a virologi, epidemiologi e quant’altro per riuscire a capire qualcosa di più sulla realtà della situazione, bisognerebbe essere certi che chi pontifica dai canali video o dalle pagine dei giornali

“Immuni”… ma non dall’essere spiati

0 accessi unici

In questi giorni non si parla d’altro che di lei: “Immuni”. Il governo, infatti, ha annunciato di voler utilizzare questa App per smartphone per tracciare le persone che risultano positive al coronavirus. Le App per smartphone, e altre tecnologie simili, sono state ampiamente utilizzate in Paesi come Singapore, Israele e Corea del Sud per aiutare

Vergogna e caos in Lazio… altro che Lombardia

0 accessi unici

Ha un bel dire, Nicola Zingaretti, un bell’invocare “regole nazionali” sul coronavirus, accusando quindi la Lombardia di “fughe in avanti” sulla fase 2. Perché invece il doppio standard è una realtà e proprio lui ne può essere il testimone privilegiato. Non tanto, forse, da segretario del Pd quanto invece da governatore del Lazio, ovvero di

Abbiamo disinnescato il “Salva Conte”

0 accessi unici

Se il governo vuole lo “scudo penale” sulle responsabilità in merito a quanto verificatosi in Italia dal 31 gennaio (giorno in cui l’esecutivo dichiarò lo stato di emergenza) in poi lo dovrà dire chiaramente e affrontare la questione in maniera pubblica ed evidente, con «un tavolo di lavoro» da avviare «in tempi molto rapidi» per

1 2 3 10