nomination democratica

Il risveglio di “Sleepy Joe”

/
0 accessi unici

A landslide victory. In Italia diremmo “cappotto” o “vittoria schiacciante”. Joe Biden ha sbaragliato gli altri candidati alla nomination democratica ottenendo il 48.4% dei voti – circa 250 mila voti – contro il 19.9% di Bernie Sanders. In una sola notte, dunque, Biden ha vinto la prima delle due sfide che aveva davanti: le primarie

Pete Buttigieg, la corsa del giovane democratico

0 accessi unici

È giovane, ha studiato ad Harvard e Oxford e parla sette lingue; Pete Buttigieg è il possibile candidato presidenziale dei democratici. Buttigieg, veterano della guerra in Afghanistan ed ex consulente con origini maltesi, sarebbe il primo presidente omosessuale della storia Usa, il che la dice lunga su quanto velocemente stia cambiando l’America. Sindaco di una

Tom Steyer, il miliardario in gara per le presidenziali

0 accessi unici

Tom Steyer è nato nel 1957 a Manhattan, ha frequentato la Buckley School e la Phillips Exeter Academy. Si è laureato presso l’Università di Yale, summa cum laude, in Economia e scienze politiche. Steyer è un ricchissimo manager di fondi di investimento e un filantropo conosciuto e stimato, ultimamente si è concentrato soprattutto sul come rimuovere

“Torna a casa Beto”… caos democratico in Texas

0 accessi unici

«Beto, se stai ascoltando: vieni a casa. Abbandona la corsa a presidente e torna in Texas per candidarti come senatore. Le possibilità di vincere questa elezione sono incredibilmente basse. E il Texas ha bisogno di te». Con questa parole, lo Houston Chronicle, in un editoriale dello scorso mercoledì, ha chiesto all’ex deputato Beto O’Rourke di

“Tornate a casa vostra”: l’attacco di Trump alle deputate dem che divide gli USA

0 accessi unici

“Dovrebbero tornare da dove sono venute”. La scintilla, come sempre, è scoccata con poche parole in un tweet. Donald Trump ha deciso di inaugurare la sua campagna per il 2020 prendendo posizione contro le quattro deputate democratiche Alexandria Ocasio-Cortez, Rashida Tlaib, Ayanna Pressley e Ilhan Omar – le prime tre nate in America, l’ultima nata

Marianne Williamson, la guru spirituale del self-help

0 accessi unici

Molto convinta che gli americani siano pronti ad avere una donna alla presidenza, scrittrice di 12 libri sulla spiritualità, si propone a tutti con l’obiettivo di sconfiggere Trump e di elevare il profilo morale ed etico del Paese. Impegnata nel sociale, ha fondato nell’89 l’ente di beneficenza Project Angel Food, consegnando pasti a domicilio ai

Kirsten Gillibrand, scende in campo direttamente sotto casa Trump

0 accessi unici

Figlia di avvocati, sposata e con due figli, Kirsten Gillibrand Ha ufficialmente partecipato alla corsa per la casa bianca il 17 marzo, lanciando formalmente la sua campagna per la Casa Bianca di fronte alla Trump Tower a New York. Si è laureata in legge alla University of California ed è deputata dal 2006 e in

John Hickenlooper, un nuovo candidato all’elenco degli anti Trump

0 accessi unici

Ex sindaco di Denver ed ex governatore del Colorado, John Hickenlooper, è un appassionato ambientalista, e un forte sostenitore del capitalismo democratico. Si vanta della sua esperienza di gestione del Colorado in rapida crescita, anche sostenendo la sua economia e rafforzando le leggi sul controllo delle armi da fuoco nello stato. Il suo obiettivo principale

Jay Inslee, il democratico che combatte non solo per l’America ma per tutto il mondo!

0 accessi unici

Inslee è il primo governatore in carica ad entrare nella corsa del 2020 per la Casa Bianca e va ad aggiungersi alla già folta schiera di democratici scesi in campo. Ha affermato di essere l’unico candidato che farà della lotta ai cambiamenti climatici la priorità numero uno della sua carica. Inoltre il governatore dello stato

Beto O’Rourke, sarà lui a prendere le redini dell’America?

0 accessi unici

Il suo vero nome è Robert, ma è diventato famoso con il soprannome in spagnolo. È sposato dal 2005 ed è papà di tre bambini. Praticamente sconosciuto al di fuori del Texas fino all’anno scorso, O’Rourke ha ora una base nazionale di fan grazie alla sua folle campagna contro il senatore americano Ted Cruz. L’ex