multinazionali

Così le multinazionali digital mettono le mani sulla nostra salute

0 accessi unici

Dopo le informazioni d’identità, i gusti e le preferenze, i colossi della tecnologia stanno ora puntando a un altro settore della vita personale degli utenti: i dati sanitari. Da qualche anno, ormai, le grandi aziende come Apple e Google stanno lavorando su sistemi di archivio sanitario sia con investimenti sia con accordi con start-up. Negli

Arrivano le prime multe per la privacy online

0 accessi unici

Se, fino a pochi anni fa, la privacy sul web era solo una questione dibattuta ma non garantita se non a parole, con l’approvazione del Regolamento per la protezione dei dati (il General Data Protection Regulation, abbreviato con GDPR) per le multinazionali della tecnologia sono arrivati i primi provvedimenti sanzionatori.  Un rapporto stilato dallo studio

Smart, sharing o co… il “nuovo” lavoro è comunque avvelenato

0 accessi unici

Se n’è accorto Ken Loach, regista e attivista politico britannico, che ha voluto immortalare in un film a metà tra neorealismo e surrealismo (Sorry we missed you) questa nuova condizione. Se n’è accorto anche Antonio Polito, sul Corriere, che ha unito i puntini del film britannico e della notizia di cronaca relativa alla morte di un

Land Grabbing estremo… e tragico

0 accessi unici

Nelle scorse settimane, abbiamo dedicato due articoli per chiarire le modalità economico-commerciale del “Land Grabbing”, ovvero l’accaparramento di grandi estensioni di terreno in Paesi con necessità economiche importanti, da parte di altri Stati o di multinazionali, per lo sfruttamento massiccio delle risorse a livello alimentare, zootecnico, energetico oppure minerario. Un accaparramento e uno sfruttamento che,

L’altra faccia della Silicon Valley

/
0 accessi unici

La “Silicon Valley” – come è stata chiamata la parte meridionale della San Francisco Bay Area – rappresenta la capitale mondiale dell’innovazione tecnologica. Qui hanno la propria sede grandi multinazionali come: Adobe, Amazon, Apple, Facebook, Google, Huawei… oltre a Università fra le avanzate d’America. Qui, ogni giorno nascono nuove start-up e nuovi progetti innovativi. Da