movimento 5 stelle

Alleanza Proporzionale

/
2.745 accessi unici

Diciamolo chiaro una volta per tutte: il concetto che «con la legge elettorale non si mangia» è una cagata pazzesca. Il motivo è semplice: il sistema elettorale è l’algoritmo che determina la governabilità e la stabilità del paese e, di conseguenza, anche la produttività del Parlamento. Cioè, per dirla terra terra, con un sistema elettorale

Da populista a radical chic: Giuseppe contro Giuseppi

/
13.895 accessi unici

«Se populismo significa restituire al popolo la sovranità, rivendichiamo orgogliosamente di essere populisti», un concetto chiaro, che non lascia spazio a interpretazioni, no? Certamente antitetico a quello espresso da chi afferma che «nazionalismo e populismo offrono solo paura e divisione». Si tratta semplicemente di due posizioni contrapposte, nulla di strano, anzi, per come la vediamo

Viaggio alla scoperta del referendum fantasma

0 accessi unici

Ieri il governo ha deciso il rinvio del referendum, previsto per il 29 marzo, sulla riforma costituzionale che taglia il numero dei parlamentari. Un rinvio ormai obbligatorio dato che l’esecutivo ha stabilito che per 30 giorni non si possono tenere manifestazioni pubbliche. Impossibile, quindi, tenere comizi e pubblici incontri con la cittadinanza. Ufficialmente, però, la

Con i trojan di Stato saremo spiati più che in Germania Est

0 accessi unici

Mi raccomando, dopo ogni telefonata, ricordatevi sempre di salutare il trojan che vi sta ascoltando. Potrebbe sembrare una battuta, ma il rischio è sempre più probabile. Infatti, il governo – approfittando del caos di questi giorni – ha proceduto a tappe forzate, ricorrendo persino al voto di fiducia per far passare il decreto-legge sulle intercettazioni.

Nardone: «Sciacallo è chi ha sbagliato e crede di essere al di sopra delle critiche»

0 accessi unici

In diretta dalla redazione di Orwell a ComoNexT, Alessandro Nardone si scaglia contro i dittatori del pensiero unico che aggettivano come “sciacallo” chiunque critichi il governo. Noi siamo gente libera, e la nostra opinione la esprimiamo eccome.

350 “buoni” motivi per cui non si voterà

0 accessi unici

Rassegniamoci, non c’è nessuna speranza di andare a votare per riformare questo Parlamento e sostituire questo Governo. Continueranno a litigare, a minacciarsi, a insultarsi e a tenere l’Italia paralizzata ma, con una scusa o con l’altra, la maggioranza rosso-gialla punta ad arrivare al semestre bianco e all’elezione del nuovo presidente della Repubblica, nel 2022. Se

Ciao 5 Stelle, il bipolarismo è tornato

/
0 accessi unici

Una valenza nazionale ce l’hanno eccome le elezioni regionali che si sono consumate ieri in Emilia Romagna e Calabria, dalle quali a nostro avviso spicca anzitutto il dato che abbiamo voluto sintetizzare nell’immagine di apertura: il DissolVimento dei 5 Stelle e la conseguente rinascita del bipolarismo. A ruota, ovviamente, il paradosso degli umori contrastanti dei

Regionali Calabria: parliamone almeno noi!

0 accessi unici

Dal nostro corrispondente. A meno di un mese dal voto in Calabria e terminate le battaglie interne tra le forze di coalizione, sono state depositate le liste per la partecipazione alla competizione elettorale. Dopo tanti dubbi, nomi tirati in ballo e poi dimenticati, ora sappiamo con certezza che i candidati al ruolo di presidente saranno

Polvere di 5 Stelle: ecco come sparirà il movimento di Grillo

/
0 accessi unici

A vederlo oggi, Luigi Di Maio, sembra un ragazzino spaesato che si chiede “dove ho sbagliato?”. A ripercorrere velocemente l’anno trascorso – certo con il “senno di poi” – di errori ce ne sono stati tantissimi. Proviamo a ricostruirli. Il 2019 era iniziato con la coalizione giallo-verde al governo. Sicuramente litigiosa (meno di quella attuale)

Salvini alla conquista della Calabria

/
0 accessi unici

Dal nostro corrispondente. Catanzaro, Vibo Valenzia e Reggio Calabria sono le tappe di questa trasferta calabra di Matteo Salvini che si svolge in una situazione di incertezza per il centrodestra, riguardo alla scelta del nome del candidato presidente della Regione. Sulla disputa, che ha al centro Mario Occhiuto e Jole Santelli, abbiamo già scritto nei