impeachment

REPORTAGE ESCLUSIVO: vi portiamo a un “Trump Rally”

/
0 accessi unici

Dal nostro corrispondente – È come partecipare a uno show o a un concerto in un’arena. A una partita di football americano o di basket NBA. Con le persone che vanno a prendere i popcorn prima del grande spettacolo, che fanno la fila per un paio di hot dog, che bevono una extra-large soda mentre

Impeachment: tanto fumo senza arrosto

0 accessi unici

Il primo a parlare di impeachment fu un uomo che non è mai divenuto presidente. Nei giorni della Costituente americana Benjamin Franklin aveva già le idee molto chiare. Occorreva dare il potere, a chi rappresenta il popolo, di accusare e, a seguito di un voto, eventualmente rimuovere, chiunque occupi un ufficio pubblico. Compreso il presidente

Perché i democratici odiano la democrazia?

0 accessi unici

Da un po’ di anni la democrazia – per alcuni “democratici” – è diventata un optional. Il voto del popolo, il voto in generale, piace solo se il risultato è quello voluto da loro. Se la gente dà un verdetto contrario ecco che arrivano, prima le critiche (voto di pancia, voto dei vecchi, voto degli

REPORTAGE: viaggio negli USA che rivoteranno Trump

/
0 accessi unici

Quando si dice Stati Uniti, si pensa subito alla Grande Mela o alla Silicon Valley, al massimo a San Francisco, Hollywood o Las Vegas. Un’America cosmopolita, dinamica, tecnologica, cool… In Nevada e Iowa, ma anche in Vermont e Indiana c’è, invece, il volto di un’America poco considerata e poco raccontata, che tuttavia sarà decisiva per

La trappola di Trump per fregare i democratici

0 accessi unici

In molti, a sinistra, hanno un brutto vizio: sono saccenti, e in quanto tali vivono un complesso di superiorità che li induce a pensare che governare spetti di diritto a loro. Gli avversari? Bestie ignoranti, e quindi populisti. Frase che potremmo ripetere anche al contrario senza che il risultato cambi. Visto che con il popolo

Johnson, Bolsonaro e il populismo secondo Trump

0 accessi unici

Dal nostro inviato a New York Sono “populisti” gli autori di due tra gli interventi più attesi al Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite di New York. Uno contro il socialismo. L’altro contro le conseguenze “orwelliane” dell’innovazione tecnologica. Entrambi sotto l’ala di Donald Trump. La 74.esima edizione dell’Assemblea Generale ONU si è aperta nella giornata