gilets jaunes

Focolai di rivolta nel mondo contro il globalismo

0 accessi unici

Popoli in assetto di guerra. Paesi che stanno per esplodere. Disordini da un capo all’altro della Terra. Si ha la sensazione che si stia preparando il “Nuovo disordine mondiale”, senza alcun coordinamento, per creare le premesse di una sorta di “rivoluzione permanente” contro le élites, gli oligarchi che governano in nome e per conto del

Macron, il burocrate che volle farsi statista

0 accessi unici

Non è stato Emmanuel Macron, come ci si poteva attendere, il protagonista del vertice di Berlino sulla crisi libica. È stata Angela Merkel, insieme con altri capi di Stato e di governo, a rappresentare le istanze europee. Il presidente francese è apparso piuttosto defilato, se così si può dire. Forse era anche meglio considerando che,

Macron, i pensionati e il “buco nero” della politica francese

0 accessi unici

La Francia si trascorrendo un periodo di fine anno segnato da rivolte e disagi. I trasporti l’hanno bloccata. Per il secondo anno consecutivo, su due e mezzo di presidenza, il periodo natalizio è diventato un incubo per Macron. Il presidente sperava di aver dato un segno di reazione nominando Laurent Pietraszewski, deputato di En Marche!,

La Francia di Macron sprofonda

0 accessi unici

Giovedì 5 dicembre Emmanuel Macron non se lo dimenticherà più. Riteneva di aver “assorbito” la lunga protesta dei gilet jaunes con la manifestazione, piuttosto sottotono, che avevano tenuto due settimane prima e si è ritrovato, inaspettatamente, con la più grande protesta organizzata dai pensionati che hanno bloccato la Francia. Trasporti, ospedali, scuole, servizi pubblici, tutto