futuro del giornalismo

Valentina Martelli: «Ciò che importa è mantenere l’integrità»

0 accessi unici

Giornalista “visionaria e creativa”, corrispondente Rai dagli USA, ma anche produttore esecutivo di Ibiscus, società di consulenza di produzione media e co-fondatrice di Good Girls Production, che organizza ITTV Festival, prima rassegna della tv italiana negli Stati Uniti, che si è da poco tenuta a Los Angeles. La sua grande esperienza internazionale nel settore televisivo

Alessandro Banfi: «Chi ci offre, o vende, le notizie non è più giudicato per la sua attendibilità»

0 accessi unici

Alessandro Banfi, classe 1959,  realizza per RaiUno il programma “La Vita in Diretta”, condotto da Lorella Cuccarini e Alberto Matano. In passato, è stato direttore di TgCom24, il canale “all news” di Mediaset. E’ stato anche, per più di 10 anni, autore della trasmissione di approfondimento di Canale 5, “Matrix”, prima con Enrico Mentana, poi

Monica Mondo: «Torniamo alla cultura e all’educazione»

0 accessi unici

Torinese di nascita e romana di adozione, Monica Mondo ha sempre respirato carta stampata: il papà, Lorenzo, è stato giornalista e critico letterario de La Stampa, il marito, Franco Bechis, è direttore de Il Tempo, oltre che padre dei tre figli della coppia. La Mondo ha collaborato con Il Sabato, Avvenire e Il Riformista. Su

Emilio Carelli: «Il compito di un giornalista non è quello di essere popolare ma di scrivere e diffondere le notizie»

0 accessi unici

Potremmo tranquillamente definirlo l’archetipo del giornalismo televisivo di casa nostra, perché la carriera di Emilio Carelli comincia nel 1980, quando fece il suo ingresso in Fininvest diventando inviato e redattore di svariati programmi giornalistici di Canale 5, Italia 1 e Rete 4. Poi, da lì, visse da protagonista ogni singola tappa di avvicinamento che Mediaset

Dario Campione: «È la crisi del modello di business legato alla vendita delle notizie che ha creato un baratro profondo tra giornalisti e pubblico»

0 accessi unici

Nato a Palermo e laureato a Torino, Dario Campione è tra le persone che – dal 1997 – hanno letteralmente costruito il Corriere di Como: altri tempi, altri numeri e, soprattutto, altri canali di comunicazione; il Web si era poco più che affacciato alle nostre vite ma quella, grazie alla partnership con EspansioneTv, fu una

Marcello Veneziani: «Le dicerie della rete reagiscono al politically correct dell’opinione prefabbricata»

0 accessi unici

Marcello Veneziani vanta senz’altro una delle intelligenze più lucide e insieme profonde del panorama non soltanto giornalistico o culturale, ma tout court, dell’Italia contemporanea. Egli, per intenderci, non si limita alle analisi, ma offre spunti di riflessione; non pontifica emettendo giudizi, ma è in grado di gettare lo sguardo oltre la superficie per elaborare delle