Francia

L’Italia finirà come la Grecia: spolpata dalla UE

0 accessi unici

«Ed ecco qui: l’Italia e altri. Stanno per accettare i prestiti MES che porteranno ad un’austerità rigorosa l’anno prossimo, a pietosi prestiti alle imprese della BEI, a un sistema pseudo-federale di ri-assicurazione contro la disoccupazione, oltre a qualche briciola di filantropia. In cambio si sono impegnati a una depressione permanente». A scriverlo è l’ex ministro

A mali estremi, estremi rimedi

0 accessi unici

Sono giorni di grande allarme in Europa e nel mondo, prima di tutto per la salute di milioni di persone, poi per le conseguenze economiche di questa crisi che rischiano di compromettere seriamente la nostra vita lfutura. Come se non bastasse di sono speculatori internazionali, gruppi affaristici e lobby (anche in Italia) che cercano di

Come si può uscire dalla crisi e ripartire?

0 accessi unici

Seconda parte – Nella prima puntata di questa intervista, il professor Nino Galloni, economista di grande esperienza e Presidente del Centro Studi Monetari, ci ha chiarito quali sono le trappole nelle quali rischia di cadere il nostro Paese e che rischiano di limitare ulteriormente le nostre già limitata sovranità. Però a rischio c’è anche molto

L’Italia è un modello… da NON imitare

/
0 accessi unici

Anche Europa e Usa sono ora travolti dal coronavirus e, in casa nostra, qualche commentatore asservito ha tentato di dire che nel resto del mondo si sta copiando un “modello Italia”. Un modello che, se esiste, è preso a esempio di cosa non bisogna fare. Infatti, se l’Italia ha colpevolmente tardato con i provvedimenti di

Pensiero critico contro l’irrazionalità e le fake news

/
0 accessi unici

Pubblichiamo su gentile concessione di www.breizh-info.com l’intervista, a cura di Yann Vallerie, allo scrittore, filosofo e giornalista francese Alain de Benoist. Fondatore del movimento culturale Nouvelle Droite, oggi è direttore delle riviste Nouvelle Ecole e Krisis. Ha pubblicato più di 80 libri e quasi 2000 articoli, tradotti in una quindicina di lingue. L’intervista è stata

Forse Macron ha finito di fare… il galletto

0 accessi unici

Delle elezioni amministrative in Francia si era parlato, in termini scandalizzati, come di un palese controsenso. Nel momento in cui si chiudeva tutto per il pericolo del coronavirus, era sembrato a molti ridicolo e pericoloso chiamare il popolo alle urne. Il presidente Macron, però, aveva voluto fortemente questa tornata elettorale, andando contro tutti coloro che

L’Europa affonda… parola d’ammiraglio

0 accessi unici

«L’Europa, ancora una volta, non sa cosa fare. Sembra non avere la minima idea di come procedere, è uno scenario a parer mio preoccupante considerando che, invece, altri capi di Stato (Erdogan e Putin ndr.) sanno molto bene perseguire i loro interessi». L’ammiraglio Nicola De Felice ha sia grande esperienza militare che strategica, maturata grazie

Cronache dalla peste

0 accessi unici

Nell’immagine, a sinistra, c’è il “Medico della peste”, con il suo becco da uccello riempito di essenze medicamentose per filtrare l’aria, munito di occhiali, guanti, una lunga tunica di lino e una bacchetta. Una tenuta ideata dal dottor Charles De Lorme, durante la drammatica pestilenza del 1630 a Venezia. A destra il “Medico del coronavirus”

Parigi: luci rosse meglio dei gilet gialli

0 accessi unici

Il delirio di onnipotenza è estremamente negativo per un politico, come anche i comportamenti ipocriti in materia di sesso o di droga. Sono tutti segni di grande stupidità. Eppure, ogni tanto, qualcuno ci casca nonostante si tratti di errori da abc della comunicazione politica. Cosa farebbe chiunque di noi, anche senza essere un politico (magari

Zingaretti alle prese con le “marocchinate”

0 accessi unici

È da ieri sul tavolo di Nicola Zingaretti (stavolta in veste di presidente della Regione Lazio) una proposta di legge per l’istituzione della “Giornata regionale” dedicata alle vittime delle cosiddette “marocchinate”, ovvero le decine di migliaia di episodi di violenza sessuale e sevizie fisiche avvenuti tra il maggio 1944 e la fine della Guerra. Protagonisti