forza italia

Berlusconi, il giudice Franco e la sCassazione

1.525 accessi unici

Veloce come il lampo, rumorosa come il tuono, la litania antiberlusconiana si è subito scatenata. La contromossa alle clamorose rivelazioni che lunedì hanno fatto emergere le contraddizioni interne al collegio giudicante di Cassazione che il 1° agosto 2013 aveva condannato e azzoppato politicamente Silvio Berlusconi è evidente: la parola d’ordine è sopire, attenuare, tacitare. Si

Lavoro, turismo e sanità lombarda: ne abbiamo parlato con Alessandro Fermi

3.070 accessi unici

Alessandro Fermi, presidente del Consiglio regionale della Lombardia, è stato ospite, nella puntata di ieri, di “Casual friday”, la trasmissione condotta, in diretta, da Alessandro Nardone e Carlo Cattaneo sul canale Facebook di Orwell. Dall’iniziativa #RipartiLombardia fino al doloroso capitolo del Covid-19, accompagnato dal suo carico di dolore e inevitabili polemiche, Fermi ha analizzato (senza

Viaggio alla scoperta del referendum fantasma

0 accessi unici

Ieri il governo ha deciso il rinvio del referendum, previsto per il 29 marzo, sulla riforma costituzionale che taglia il numero dei parlamentari. Un rinvio ormai obbligatorio dato che l’esecutivo ha stabilito che per 30 giorni non si possono tenere manifestazioni pubbliche. Impossibile, quindi, tenere comizi e pubblici incontri con la cittadinanza. Ufficialmente, però, la

350 “buoni” motivi per cui non si voterà

0 accessi unici

Rassegniamoci, non c’è nessuna speranza di andare a votare per riformare questo Parlamento e sostituire questo Governo. Continueranno a litigare, a minacciarsi, a insultarsi e a tenere l’Italia paralizzata ma, con una scusa o con l’altra, la maggioranza rosso-gialla punta ad arrivare al semestre bianco e all’elezione del nuovo presidente della Repubblica, nel 2022. Se

Regionali Calabria: parliamone almeno noi!

0 accessi unici

Dal nostro corrispondente. A meno di un mese dal voto in Calabria e terminate le battaglie interne tra le forze di coalizione, sono state depositate le liste per la partecipazione alla competizione elettorale. Dopo tanti dubbi, nomi tirati in ballo e poi dimenticati, ora sappiamo con certezza che i candidati al ruolo di presidente saranno

Calabria: i due Mario hanno la faccia come i Bronzi

0 accessi unici

Dal nostro corrispondente a Catanzaro. Mancano sei settimane al voto regionale in Calabria e la situazione di stallo sulla scelta definitiva di alcuni candidati sembra arrivata finalmente  a un punto di svolta. Attorno ai due principali poli sono spuntati ciclicamente nomi, più o meno conosciuti, che per qualche giorno sembravano favoriti ma che ora, pare,

Calabria al voto… la quiete prima della tempesta

0 accessi unici

Dal nostro corrispondente Anche se i riflettori sono puntati quasi esclusivamente sull’Emilia-Romagna, il 26 gennaio si svolgeranno le elezioni regionali anche in Calabria. A meno di due mesi dal voto, però, i nodi da sciogliere sono ancora molti. Dal centrodestra al centrosinistra, passando per il Movimento 5 stelle i nomi che circolano per la corsa

Aria di elezioni, media scatenati

0 accessi unici

In vista delle prossime elezioni regionali, considerate decisive per la tenuta della maggioranza rosso-gialla, i media di potere si stanno dividendo i compiti. Così, se Repubblica ha inaugurato ieri una nuova rubrica di “attualità”, in cui ogni giorno si racconta un episodio di «razzismo, fascismo, nazismo, antisemitismo, bullismo politico, sessismo»… Il Fatto Quotidiano, invece, si

Ha ancora senso chiamarlo centro-destra?

0 accessi unici

Io credo di no, per diversi motivi. Primo perché in alcuni casi la forma è anche sostanza, e non è certamente un caso che a godere di maggiori consensi siano la Lega e Fratelli d’Italia, ovvero i due partiti in cui il ricambio generazionale non soltanto è avvenuto, ma è anche stato foriero di un’evoluzione

Non è più tempo di destra e sinistra

0 accessi unici

Lo diciamo da tempo, ma ogni giorno che passa (e le ultime elezioni in Umbria ne sono una conferma, nonostante le apparenze) il tempo della divisione dell’agone politico in settori in qualche modo “ideologici” o preconcetti (destra, centro, sinistra) è finito. Questa impostazione che ancora, ovviamente, pervade le nostre menti e i nostri discorsi, trae