depressione

Come riadattarsi alla nuova libertà…

2.140 views

Finalmente da domani si respira – con la mascherina – un po’ più di libertà… sempre auto-vigilata. Si intravede la fine di questa lunga reclusione. Ancora un po’ di burocrazia e andranno ovviamente osservate le disposizioni indicate dalle Regioni (perché quelle del governo non sono chiare…) e sarà obbligatorio avere una protezione davanti alla bocca

Ansia da reclusione: ma quanto dura?

0 views

Benedetti italiani: purtroppo si sapeva che la reclusione sarebbe stata lunga. Il governo (con la disattesa Delibera del 31 gennaio) aveva dichiarato lo stato di emergenza per sei mesi, per cui – in teoria – l’auspicata uscita dal tunnel non potrà essere prima del 31 luglio. È altresì vero, però, che se diminuisse il cosiddetto

“Non ti buttare via”. Drammatico picco di suicidi tra i giovanissimi

0 views

“Tragedia nel biellese. Ragazzo 25enne suicida”. “Studente di 19 anni morto suicida a Trastevere”. “Dramma a Tivoli, ragazzo suicida si getta dal ponte”. “Monza. Dramma al Liceo Frisi, due studenti suicidi”. Questi i titoli degli ultimi giorni. Il “coronavirus” italiano è un male oscuro che uccide i nostri ragazzi nel silenzio generale: Episodi che hanno fatto

Gioventù depressa: quando la fuga è… la solitudine

0 views

Seconda parte – Abbiamo visto ieri quanto alta sia ormai la percentuale di giovani e giovanissimi che sono vittime di difficoltà psicologiche, forme depressive e disturbi di comportamento di vario genere che possono sfociare anche in atti di autolesionismo fino all’estremo dei tentativi di suicidio. Riprendiamo ora la conversazione con il dottor Andrea Bilotto, psicologo

Giovani depressi, autolesionisti e introversi

0 views

Prima parte – Negli ultimi anni, sono aumentate le diagnosi che identificano forme depressive nei giovani dai 13 ai 18 anni. L’aumento può essere dato anche da una maggiore capacità di riconoscere i sintomi di tali patologie, rispetto a qualche anno fa, anche se forme complesse con degenerazioni che arrivano all’autolesionismo non sempre emergono. Una

Il lato oscuro del web minaccia i nostri ragazzi

0 views

Il responsabile di Instagram, Adam Mosseri, ha voluto “rassicurare” la stampa internazionale dichiarando che il colosso dei social (che dal 2012 è di proprietà di Facebook) ha deciso di cancellare foto, disegni, cartoon e meme che, in qualche modo, richiamano l’autolesionismo, i disordini alimentari e il suicidio. «Nei tre mesi successivi alla modifica della nostra