berlusconi

Basta accordi al ribasso: Meloni e Salvini, fate il fronte sovranista

2.435 accessi unici

Abbiamo trascorso gli ultimi 27 anni aggrappati alla speranza in qualcosa che ha sempre lasciato l’amaro in bocca per ciò che poteva essere e non è stato: il centro-destra italiano. Generazioni intere sono cresciute all’ombra del vorrei ma non posso, del perpetuarsi di un irrisolto politico che col passare dei lustri si è materializzato in

Berlusconi, il giudice Franco e la sCassazione

1.515 accessi unici

Veloce come il lampo, rumorosa come il tuono, la litania antiberlusconiana si è subito scatenata. La contromossa alle clamorose rivelazioni che lunedì hanno fatto emergere le contraddizioni interne al collegio giudicante di Cassazione che il 1° agosto 2013 aveva condannato e azzoppato politicamente Silvio Berlusconi è evidente: la parola d’ordine è sopire, attenuare, tacitare. Si

Effetto Berlusconi

1.620 accessi unici

Prima o poi doveva capitare e, in verità, non siamo nemmeno particolarmente sorpresi. Tuttavia, fa un certo effetto ascoltare le parole del giudice Amedeo Franco, relatore nel processo in Cassazione in cui è stato coinvolto l’allora senatore – e capo dell’opposizione – Silvio Berlusconi, dichiarare che la condanna per frode fiscale nei confronti dell’ex presidente

Politica, Magistratura e un Paese diviso su tutto

3.810 accessi unici

L’Italia è una Repubblica democratica, divisa su tutto: andrebbe riscritto con queste parole l’articolo 1 della Costituzione, a cui si dovrebbe poi aggiungere che la nostra attitudine a farci del male è talmente forte e radicata nel nostro Io di italiani, da essere uscita perfino rafforzata dalla catastrofe-Covid. Così come i ratti sarebbero tra i

Prendiamo la manifestazione del 2 giugno facciamone molto di più

3.375 accessi unici

Volevate l’occasione per fare in modo che qualcosa, in questo Paese, cominci a «non essere più come prima» in meglio e non in peggio? La manifestazione convocata il 2 giugno dai leader del centrodestra potrebbe essere quella giusta, a patto che cambi immediatamente pelle, aprendosi a tutta quella maggioranza più o meno silenziosa che non

Anche la ministra Pisano non è Immuni dalle bugie

4.110 accessi unici

Ci voleva l’ultima puntata di Report (Rai2), andata in onda lo scorso 11 maggio, per far emergere quello che noi denunciamo da settimane, ovvero le incoerenze e i punti oscuri che circondano l’App Immuni. Un servizio accurato, che è divenuto in breve virale, come l’hashtag #abbiamogiarisposto con cui il Ministero dell’Innovazione ha riassunto – grossolanamente

Un’altra Italia c’è

0 accessi unici

Per fortuna che non c’è solo l’Italia di Conte, Gualtieri, Arcuri e Borrelli, quella dei bugiardi e irresponsabili che sembrano fare a gara a rendere più difficile la situazione di emergenza. C’è anche un’altra Italia che, forse, dovremmo chiamare la Vera Italia, quella dei medici e degli infermieri sempre in prima linea nonostante la carenza

Silvio Berlusconi dona 10milioni per finanziare il maxi-ospedale

0 accessi unici

Con un post su Facebook l’ex premier Silvio Berlusconi ha appena annunciato una donazione di 10milioni di euro: «Ho deciso di mettere a disposizione della Regione Lombardia, tramite una donazione, la somma di 10 milioni di euro, necessaria per la realizzazione del reparto di 400 posti di terapia intensiva alla fiera di Milano o per

C’è destra e destra… poi c’è molto altro

0 accessi unici

RaiNews “vince il centrodestra”, Il Giornale “Crolla la sinistra”, il Post “hanno vinto i populisti di destra”… Corriere della sera “Maggioranza vicina per il blocco di destra”, La Stampa “In testa il blocco di centrodestra“. Per tre titoli a due vince la Slovacchia su Israele… Sì, perché l’eterno stereotipo ottocentesco, tipico di una sottocultura politica

Perché l’Italia affonda (3) – Toghe rosse

0 accessi unici

Affonda l’Italia. E lo fa anche nelle aule dei tribunali, dagli scranni di giudici che mostrano il consueto strabismo già raccontato al riguardo di università e giornali. Ai baroni rossi, alle penne rosse si aggiungono, così, le toghe rosse. Temutissime, con ragione. Perché sempre pronte a intervenire, in nome e per conto di una sorta di superiorità antropologica, di