apple

iPhone: il modo più semplice e veloce per comunicare

780 accessi unici
iPhone

Dodici anni fa , venerdì 29 giugno 2007, Steve Jobs ebbe la brillante idea di sviluppare un nuovo tipo di telefono per soddisfare i bisogni delle persone in modo semplice e veloce : l’Iphone , un’unione tra telefono, internet navigator e ipod. Il primo modello targato Apple presentato sul mercato statunitense fu l’Iphone EDGE ,

Ecco perché Immuni non serve e non funziona

3.430 accessi unici

App Immuni: ne abbiamo parlato approfonditamente negli ultimi giorni, sviscerando tutti gli innumerevoli lati di quella che si preannuncia l’App di Contact Tracing pronta a intrufolarsi nei nostri smartphone e nelle nostre vite, e che potrebbero essere fonte di gravi violazione della nostra privacy online e offline. C’è però una domanda che dovrebbe venire prima

Meglio Protetti che Immuni

10.045 accessi unici

L’annuncio è arrivato due settimane fa direttamente dal profilo LinkedIn di Michele Sciabarrà, presidente della community NoiOpen: «Ecco l’app che affettuosamente chiamiamo “Protetti”. Mentre aspettiamo Il rilascio del codice sorgente di Immuni, forniamo una app di tracciamento contatti. Che esiste già. ORA. Rispetta la privacy. È Open Source. Venite pure a vedere. Funziona nei nostri

Immuni: App pericolosa… oltre che inutile

9.620 accessi unici

Seconda parte – Abbiamo visto ieri come le App di Contact Tracing, come “Immuni” che il governo Conte sta cercando di inoculare nei nostri smartphon, siano già state sostanzialmente rifiutate negli Stati Uniti. A motivo sia dei gravi rischi connessi con la tracciabilità dei dati personali, sia per la loro sostanziale inutilità nel combattere la

Immuni: App inutile oltre che pericolosa

4.890 accessi unici

Prima parte – Torniamo a parlare della famigerata App cui il Consiglio dei Ministri ha dato l’ok (senza, naturalmente, consultare il Parlamento) e che proverà a “intrufolarsi” nei nostri smartphone e, dunque, nelle nostre vite. Tanti gli interrogativi ancora aperti: Ci dicono: “Dati cancellati entro il 31 dicembre 2020”. Ma di qui ad allora quanti

Nuovi strumenti di controllo di massa (2)

0 accessi unici

Seconda parte – Google e Apple “unite nella lotta” al COVID-19, con un nuovo sistema di tracciamento dei dati personali che si presenta come “risolutivo” e anche “protettivo” della privacy: di questo abbiamo parlato ieri. Ma è davvero così? Le criticità non mancano, sia lato privacy sia sotto altri aspetti relativi alla reale efficacia del

Nuovi strumenti di controllo di massa

0 accessi unici

Prima parte – Google e Apple ci (ri)provano. Sotto le (mentite?) spoglie di un’azione positiva e socialmente utile, come quella della battaglia contro COVID-19, lanciano un progetto globale per tracciare i contagiati dalla terribile malattia. Ma “sarà vera gloria”? Sarà cioè, quella che si prepara, un’iniziativa realmente positiva e, per capirci subito, a prova di

Il virus “tracciato” sugli smartphone?

/
0 accessi unici

Seconda parte – Come abbiamo visto ieri, c’è chi guarda (anche in Italia) all’esempio di Paesi come Cina, Corea del Sud e Israele, dove si è preso a controllare gli smartphone con la scusa di verificare i contatti tra contagiati accertati e potenziali. Un fine “positivo” che si paga a prezzo della privacy e della

Cina: anche le multinazionali tecnologiche sfruttano gli Uiguri

0 accessi unici

Parlando dello sviluppo tecnologico della Cina (pre coronavirus…), molti economisti elogiavano i forti investimenti nel settore dell’innovazione e le politiche per attirare investimenti stranieri.  Nonostante la verità di queste affermazioni, dietro l’avanzata cinese si nascondono anche drammi come lo sfruttamento del lavoro ai danni della minoranza Uiguri. Gli Uiguri sono un’etnia turcofona, di religione islamica,

Tgpop: dentro la zona rossa

0 accessi unici

Cosa si nasconde dietro la paura del virus? Ce ne parla l’esperto di neurovendita Massimo Dornetti, costretto in quarantena all’interno della zona rossa. Continua a leggere