Speciale Wikileaks

Libertà d’informazione: al via il “Patto Julian Assange”

3.295 accessi unici

Finalmente dopo sette settimane di incontri per dare vita al “Patto Julian Assange”, si sono conclusi qualche giorno fa i lavori dell’Assemblea Costituente. L’Assemblea è costituita da una trentina di soggetti, il cui obiettivo è quello di impegnarsi nella diffusione della Libera Informazione. Da anni producono contenuti ispirati alla Libertà di Opinione, all’Attuazione della Costituzione

Chelsea Manning ha tentato di togliersi la vita

/
0 accessi unici

Non è la prima volta: era già capitato a luglio e ottobre del 2016. Chelsea Manning, la fonte di WikiLeaks utilizzata da Julian Assange per divulgare sulla sua piattaforma migliaia di cablo riservati della diplomazia americana, ha tentato nuovamente il suicidio. Lo conferma lo sceriffo di Alexandria, Dana Lawhorne: «C’è stato un incidente oggi alle

Con Assange va a processo anche la libertà d’informazione

/
0 accessi unici

Si è aperto a Londra, due giorni fa, il processo contro il fondatore di Wikileaks, Julian Assange. Si tratta del primo passo verso la richiesta d’estradizione, inoltrata dagli Usa alle autorità britanniche, nei confronti dell’editore-hacker australiano reo di aver “cospirato” (in collaborazione con Chelsea Manning) contro gli interessi nazionali statunitensi. Un’udienza, peraltro, a cui sono

Davide Dormino: the Italian artist who brings Assange, Snowden and Manning in the European squares

/
0 accessi unici

This sculpture is our voice, our support for their courage in defense of the truth. It is the monument of all, not of a political or religious creed, not of a single Country, that’s the reason why it travels through the squares of the world. This is how artist Davide Dormino, Friulian by birth but

Davide Dormino: l’artista italiano che porta Assange, Snowden e Manning nelle piazze europee

/
0 accessi unici

«Questa scultura è la nostra voce, il nostro sostegno per il loro coraggio in difesa della verità. È il monumento di tutti, non di un credo politico o religioso, non di un paese solo, per questo motivo viaggia per le piazze del mondo». Così l’artista Davide Dormino, friulano di nascita ma romano d’adozione, presenta ai

Come Wikileaks svelò l’inferno di Guantanamo

0 accessi unici

La Convenzione di Ginevra è chiara: “I prigionieri di guerra devono essere trattati sempre con umanità. Ogni atto od omissione illecita da parte della Potenza detentrice che provochi la morte o metta gravemente in pericolo la salute di un prigioniero di guerra in suo potere è proibito e sarà considerato come un’infrazione grave alla presente

Nei 600mila messaggi pubblicati da Wikileaks c’è la verità sull’11 settembre

0 accessi unici

Parafrasando una nota serie televisiva, negli anni abbiamo imparato a conoscere Wikileaks come “la casa di carte” (confidenziali) più importante della rete. Grazie alla piattaforma creata da Julian Assange, la comunità mondiale è entrata in possesso del materiale con cui l’hacker-editore-giornalista australiano ha colpito al cuore, facendo leva sulla totale trasparenza delle informazioni pubblicate, istituzioni,

Climagate: tutto ciò che Greta non sa (o non dice)

0 accessi unici

Due sono le certezze mediatiche legate all’estate: i servizi televisivi in cui si consiglia di bere molta acqua, vestire leggeri e non uscire nelle ore più calde, soprattutto per anziani e bambini, e gli allarmi sul riscaldamento globale. La prima notizia, in fondo, va annoverata tra i messaggi positivi. Annuncia, per molti lavoratori, l’avvio della

Chi è Assange: l’uomo senza mezze misure

/
0 accessi unici

Nessuno come Julian Assange è stato in grado di suscitare odio e ammirazione, entusiasmo e disprezzo in ugual misura. Eppure, al di là della figura di per sé enigmatica del personaggio, soggetto divisivo per mille motivi, ad accendere la fiamma del dibattito intorno al leader di Wikileaks è soprattutto l’impatto della sua opera sul giornalismo

Wikileaks, baluardo a difesa di verità e conoscenza

0 accessi unici

La mia è una colpa impossibile da espiare. Nemmeno dopo sette anni di carcere duro, peraltro colmi d’abusi 1. A questo deve aver pensato Chelsea Manning, davanti al grand jury, la mattina dell’8 marzo 2019. All’ennesima richiesta di un tribunale determinato a incastrare Assange (reo di aver pubblicato attraverso Wikileaks migliaia di documenti classificati), Manning