Bibbiano

Quando Di Maio diceva «mi fa schifo il silenzio del PD su Bibbiano»

/
7.225 accessi unici

Era il 23 luglio del 2019, eppure sembra passata un’eternità. Quel giorno l’allora vicepremier Luigi Di Maio affermava che «è veramente vergognoso il silenzio del Partito democratico. Renzi dice che gli faccio schifo, a me fa schifo il loro silenzio sul caso Bibbiano». Cosa ne pensi oggi da alleato di Renzi e del Pd non

Altro che «montatura»: per Bibbiano chiesti 24 rinvii a giudizio

/
11.390 accessi unici

Ci guardiamo bene dall’equiparare una richiesta di rinvio a giudizio a una condanna, per carità, ma qualcuno dovrà prendere atto che la richiesta della Procura di Reggio Emilia nei confronti di 24 persone – tra cui il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti, lo psicoterapeuta Claudio Foti e l’ex responsabile del servizio minori Federica Anghinolfi –

Ora, cari giudici, parlateci voi di Bibbiano

/
0 accessi unici

Con una condanna patteggiata a 20 mesi per l’assistente sociale che ha confessato di aver falsificato le relazioni, come richiesto dalla responsabile, per togliere i bambini alle famiglie, è iniziata la fase processuale dell’indagine “Angeli e Demoni” sugli affidi illeciti nell’Unione della Val d’Enza. Ora siamo tutti in attesa di conoscere le richieste di rinvio

Bibbiano “apre” l’anno giudiziario a Bologna

/
0 accessi unici

Nel “sistema Bibbiano” non sono coinvolti direttamente i magistrati emiliani. Questo è un concetto che abbiamo ripetuto tante volte e non ci stancheremo di ripetere. Anche se illustri esponenti della magistratura si esprimono sulla vicenda affermando che “non esiste un sistema Bibbiano” e cercando così di ridurre l’indagine “Angeli e Demoni” a una eccezione di

“Noi non abbassiamo la guardia su Bibbiano”

/
0 accessi unici

Quanta malafede e quanto livore ci vuole per fare un titolo così: “Il Pd vince a Bibbiano”. Cosa vorrebbe dire? Che l’inchiesta “Angeli e Demoni” è un falso? Oppure che sono false le accuse contro il sindaco, che verrà rinviato a giudizio? O, forse, che faceva bene il Pd a tenere tutto nascosto e sotto

Bibbiano: aspettando la conclusione delle indagini

/
0 accessi unici

Cresce l’attesa per la conclusione delle indagini relative all’inchiesta “Angeli e Demoni” e le relative richieste della Pm Valentina Salvi. C’è chi dice che sia questione di ore ma, più probabilmente, sarà solo a metà gennaio, a meno che “dall’alto” arrivi l’ordine di aspettare le elezioni regionali del 26 gennaio. Se i tempi fossero rispettati

Bibbiano: il sindaco Carletti resta indagato

/
0 accessi unici

L’altro ieri, la Corte di Cassazione ha deciso che il sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti, sebbene sempre formalmente accusato di vari reati, può affrontare il processo a piede libero, revocando quindi l’obbligo di dimora oltre agli arresti domiciliari che erano già stati revocati. Immediata l’esultanza del Pd e dei telegiornali a reti unificate. Come se

Bibbiano: anche La7 ora ne parla

/
0 accessi unici

Alla fine, anche La7 si è dovuta arrendere all’evidenza dei fatti e ha riconosciuto che: «Su 8 bambini coinvolti, 4 sono tornati a casa. Tutti hanno ripreso gli incontri con le loro famiglie». In questa frase, quasi di circostanza, pronunciata come ultima battuta dello speciale “Le tenebre di Bibbiano” si racchiude tutta la validità dell’indagine

Bonafede e Bonetti: la strana coppia

/
0 accessi unici
1

I due ministri: Alfonso Bonafede (Giustizia) e Elena Bonetti (Famiglia) dimostrano veramente due approcci diversi alla stessa tematica. Uno fornisce i numeri (anche se non riesce a interpretarli), l’altra persevera nel suo atteggiamento omertoso. Partiamo dal Guardasigilli. Finalmente ha fornito i dati ottenuti dal monitoraggio effettuato dalla Squadra speciale del Ministero per la protezione dei

Bibbiano: ispezione al Tribunale dei Minori di Bologna

/
0 accessi unici

Sembra strano dover ribadire che l’indagine “Angeli e Demoni” sugli affidi illeciti nei territori dell’Unione della Val d’Enza, giornalisticamente sintetizzata come “caso Bibbiano” prosegue. Tuttavia, quotidianamente, dobbiamo specificare, anche sui social, che non è ancora stata né insabbiata, né liquidata. Non bisogna lasciarsi fuorviare da chi, volutamente, cerca di fare disinformazione. Non si deve sovrapporre