Toni Capuozzo

VITE PARALLELE

Per una curiosa coincidenza ho conosciuto, sia pure di sfuggita, due dei protagonisti delle polemiche internazionali ai tempi della pandemia, scoppiate ieri. Mauro Ferrari, lo scienziato che si è dimesso dalla presidenza del Consiglio europeo delle Ricerche, e Tedros Adhanom Ghebreyesus , l’etiope che da tre anni è segretario dell’OMS (o WHO, in inglese) l’Organizzazione

Il pane della ripartenza e le rose di maggio

L’altro giorno, camminando attorno a casa, ho studiato un po’ i rari passanti: il salvacondotto di immediato impatto visivo è il guinzaglio del cane, o il carrello della spesa, o la grande sporta di plastica da supermercato. Nella strada vuota mi sono fermato a guardare dei manifesti: Festival dell’Oriente, concerti. Sembravano di un decennio fa:

La strage dei medici

Stare dove la vita è ridotta a un filo sottile è traumatico ma può insegnare parecchie cose a un dottore. Enzo Jannacci, medico L’altro giorno ho detto che questa è la strage dei nonni. Ma avrei potuto dire che è la strage dei medici. E ormai sono talmente tanti che i loro volti e i

Gli andati avanti, e i rimasti

Se dovessimo convivere con le stragi, e dovessimo dare loro un nome, questa sarebbe la strage dei nonni. Ieri la mia nipotina ha compiuto dieci mesi. Ho pensato al 3 giugno, al suo compleanno, e a cosa faremo quel giorno. Mi stavo avvilendo, pensando alla torta, ai palloncini, a suo padre che lavora in terapia

Il nastro blu

Il nastro blu non è una birra. Né il fiocco delle elementari della nostra infanzia, né una bandiera su una spiaggia pulita, o la bandiera dell’Unione Europea. Non ho figli piccoli, e se li avessi non saprei bene che fare, se vedere nelle disposizioni del ministro Lamorgese -passeggiata attorno a casa, ma quanto “attorno”?- un

Italia, città chiusa

L’ultimo giorno di marzo, ieri, è stato freddo, un’aria tagliente che aiutava a tornare subito a casa. Per la prima volta non c’erano code né davanti al supermercato né alla farmacia, come se la gente si stesse abituando. Io mi sto abituando allo scorrere del tempo, anche se sogno Milano città riaperta. Ma intanto mi

IL SILENZIO DEGLI AIUTANTI

Domenica ero con il cane sotto casa, e si è fermato uno in bicicletta. Nonostante la mascherina, i gesti e l’abbigliamento non lasciavano dubbi: un cameramen di Mediaset, Carlo. Dove vai ? Estrae dalla tasca due scatole di cartoncino e una carta: i medicinali per la mia vicina, vado a prenderglieli. “Bravo”. “No, macchè. Così

L’intempestività perfetta

Niente racconti, oggi. Solo un ragionamento sull’intempestività e sulle responsabilità prese o scansate. Nei dizionari l’intempestività è descritta così: “Non tempestivo, che avviene o si fa fuori del tempo giusto o del momento adatto”. La tempesta perfetta è invece un film del 2000 con George Clooney e, qualche anno prima, un romanzo tratto da una

L’isola che c’è

Ci si abitua a tutto, o quasi. Si perde il conto dei giorni, ma oggi è domenica: dei bonus alimentari, degli ospizi, dei numeri parleremo un’altra volta. Lasciatemi invece fare un gioco con voi: qual è il posto in vi vorreste trovare ora, lontano da tutto ? Vale ogni risposta: in cima a una montagna,

I notai del disastro

Ditemi quel che volete. Che i numeri vanno interpretati, che le curve contano, che la crescita è meno crescita. Interpretate quel che vi pare, statistiche e numeri sommersi. Spiegatelo sui giornali e in televisione, nelle conferenze stampa e ovunque vi piaccia o tocchi farlo. Non a me, però. Novecentosessantanove morti. E sapete chi sembrate, voi

Orwell.live vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli