Maurizio Tortorella

Orwell si è fermato in Cina. Seconda parte: la videosorveglianza

2.230 accessi unici

La videosorveglianza in Cina è esplosa negli ultimi anni: nel 2017 c’erano 170 milioni di videocamere digitali, che alla fine del 2020 dovrebbero arrivare a 400 milioni, e a 500 milioni nel 2021. Le stime sono controverse: per il centro studi inglese Ihs Markit, le telecamere avanzate cinesi sarebbero 626 milioni già oggi (mentre negli

Orwell si è fermato in Cina. Prima parte: il social credit

/
3.170 accessi unici

Percosso dalla pandemia, il mondo occidentale oggi sembra quasi invidiare il sistema informatico di controllo sanitario che negli ultimi mesi la Repubblica popolare cinese ha messo in atto contro il Covid-19. Del resto, viste le dimensioni della popolazione cui si è applicato, quel sistema ha dimostrato di funzionare più che bene, garantendo un efficace controllo

5G sì, cyber-spionaggio della Cina no: l’Italia cosa farà? Seconda parte

3.205 accessi unici

Il Regno Unito bandisce il colosso cinese Huawei: non parteciperà più alla costruzione della rete 5G inglese perché rischia di essere il «cavallo di troia» tecnologico per il regime di Pechino. È quanto sostengono da anni gli Stati Uniti. Hanno ragione? Che cosa deciderà ora l’Europa? E che cosa farà l’Italia? Dopo quella di ieri,

5G sì, cyber-spionaggio della Cina no: tutto quello che c’è da sapere. Prima parte

2.860 accessi unici

Il Regno Unito ha deciso, finalmente: il governo di Boris Johnson mette al bando Huawei, il gigante delle telecomunicazioni cinese che gli Stati Uniti da tempo accusano di fare cyber-spionaggio per conto del regime di Pechino. Londra ha stabilito che dal 1° gennaio 2021 Huawei sarà esclusa dalla realizzazione della rete britannica per il 5G, la quinta generazione

Uguale per tutti?

/
3.440 accessi unici

La commissione Giustizia della alla Camera inizierà oggi l’esame della proposta di legge con cui Enrico Costa, deputato di Forza Italia, punta a rafforzare la responsabilità dei magistrati che provocano un’ingiusta detenzione. Come primo atto, è prevista la relazione introduttiva del deputato Pierantonio Zanettin, anch’egli di Forza Italia. Il testo della riforma ha buone possibilità

Berlusconi, il giudice Franco e la sCassazione

/
2.745 accessi unici

Veloce come il lampo, rumorosa come il tuono, la litania antiberlusconiana si è subito scatenata. La contromossa alle clamorose rivelazioni che lunedì hanno fatto emergere le contraddizioni interne al collegio giudicante di Cassazione che il 1° agosto 2013 aveva condannato e azzoppato politicamente Silvio Berlusconi è evidente: la parola d’ordine è sopire, attenuare, tacitare. Si

La strage di Ustica tra complottismo e realtà (seconda parte)

/
2.540 accessi unici

Un missile? La battaglia aerea? La collisione con un caccia alleato? Nelle tristi commemorazioni del quarantesimo anniversario per la strage di Ustica, la politica italiana ai suoi più alti livelli ha dimostrato di non aver mai letto le carte del processo penale. Orwell l’ha fatto per voi. Dopo quella di ieri, ecco la seconda puntata.

La strage di Ustica tra complottismo e realtà (prima parte)

/
3.530 accessi unici

A leggere le commemorazioni della strage di Ustica, a 40 anni dal maledetto 27 giugno 1980 in cui il Dc9 della compagnia Itavia s’inabissò nel mar Tirreno trascinando con sé 81 vite, si capisce chiaramente che in tanti, anche ai più alti livelli delle nostre istituzioni, non hanno mai letto le carte del processo penale