Igor Traboni

Pasqua 2020: la Fede in sospeso

0 accessi unici

Niente battesimi, sospensione per i matrimoni, estreme unzioni per pochissimi e funerali interdetti, confessioni individuali teoricamente possibili ma in pratica irrealizzabili. Ai tempi del coronavirus cambia anche questo: l’accostarsi ai sacramenti, più in generale la possibilità fisica di approcciare il Sacro. Tutto ciò ha delle basi legali… ammesso che abbia delle basi logiche? Vediamo innanzitutto

Cina: con la scusa del virus perseguitano i cristiani

0 accessi unici

Come vanno esattamente le cose in Cina? A saperlo! Oramai da noi vengono diffuse soprattutto le immagini degli aerei-cargo che arrivano carichi di mascherine e gel che non è quanto rispettino i nostri standard sanitari, ma si sa quanti milioni sono stati pagati dal nostro ministro Di Maio. Mentre in tutta Europa si protesta per

L’Italia come la Cina: virus e persecuzione

0 accessi unici

Uscire per portare a spasso il cane si può. Secondo il Viminale anche per far sgambettare un po’ il figliolo chiuso in casa da un mese (anche se poi il Conte Tentenna ha smentito). Si può andare a fare la spesa e a comprare le sigarette anche se “fumare nuoce gravemente alla salute”. Se però,

La “cura” di Conte massacra le professioni

0 accessi unici

L’Inps adesso smentisce il “click day”, la trovata geniale annunciata di Giuseppe Conte. Un’idea tutta italiana e neppure inedita, visto che, negli ultimi dieci anni (facendola passare sempre alla chetichella e con il silenzio assordante della gran parte dei media) è stata già usata dall’Inail e da alcune Regioni. L’idea che solo i “più rapidi”

Covid-19: non dimentichiamoci di loro

0 accessi unici

Un grido d’allarme, quello lanciato dalla Federazione persone con disabilità, che allarga la sua richiesta di intervento anche alle altre centinaia di migliaia di disabili italiani che frequentano quei centri disabili che ora sono stati chiusi per l’emergenza coronavirus, al pari dei centri anziani. Iniziamo, però, dalla scuola e dalla precisa richiesta inviata all’Ufficio per

Può esistere un’algor-etica?

0 accessi unici

L’algor-etica entra ufficialmente nel vocabolario della Chiesa cattolica e lo fa con l’arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente della Pontifica accademia per la vita che venerdì ha concluso i lavori della tre giorni romana intitolata «The “good” Alghoritm? Artificial Intelligence: Ethics, Law, Health» (Il buon algoritmo? Intelligenza artificiale: etica, legge, salute). Il convegno, organizzato dalla Pontifica accademia

Buona informazione vuol dire sostenere una voce libera, fuori dal coro e coerente

0 accessi unici

Siamo messi male, anzi malissimo, con l’informazione in Italia: i giornali quotidiani chiudono oppure riducono drasticamente giornalisti e poligrafici; di settimanali “veri” ne sono rimasti sì e no un paio e anche questi non entrano più come una volta nelle case degli italiani; la stessa difficoltà li accomuna a familiari e femminili, periodici di nicchia

L’eutanasia della Penisola iberica

0 accessi unici

L’immagine che più rende l’idea del momento assai particolare che sta vivendo la Penisola iberica è quella di un grande iceberg, abitato da 56 milioni di persone, che si stacca e va alla deriva rispetto a quelle che, per secoli, sono state le sue radici di civiltà. Spagna e Portogallo dopo essere riusciti a tener

Zingaretti alle prese con le “marocchinate”

0 accessi unici

È da ieri sul tavolo di Nicola Zingaretti (stavolta in veste di presidente della Regione Lazio) una proposta di legge per l’istituzione della “Giornata regionale” dedicata alle vittime delle cosiddette “marocchinate”, ovvero le decine di migliaia di episodi di violenza sessuale e sevizie fisiche avvenuti tra il maggio 1944 e la fine della Guerra. Protagonisti

Foibe: l’odio che calpesta anche la tonaca

/
0 accessi unici

Fra Ludovik Rados aveva soltanto 20 anni e nel cuore la gioia di aver appena terminato il noviziato e indossato il saio caro a Francesco d’Assisi; fra Marko Barbaric, invece, di anni ne aveva 80 e continuava a spendersi secondo gli insegnamenti del poverello nel monastero di Siroki Brijeg, anche se era ammalato di tifo.