Guido Giraudo

La Lombardia al tempo del Coronavirus: ferma la Fashion Week, a rischio il Salone del Mobile

/
0 views

Non fosse per il fatto che, comunque, quando si parla di salute e c’è in ballo quella di molte persone è meglio non divagare troppo; questa vicenda del coronavirus comincia ad avere risvolti sociologici e comunicativi di grande interesse. Sabato e domenica ci sono state le “prove” ma da lunedì inizia il vero coprifuoco, in

Coronavirus: la certezza dell’incertezza

/
0 views

Questa è una di quelle situazioni – fortunatamente rare – in cui chi “fa informazione” si pone dei quesiti, ha dei dubbi che lo portano a filtrare e selezionare le indiscrezioni, i pareri, i “rumors” che, in altre occasioni, avrebbe usato per “stanare” la verità. Che tutta la questione Coronavirus sia incerta, contradditoria e, quindi,

La parola è suono, l’esempio è tuono

0 views

Ho scritto questa frase (che viene attribuita a Ippolito Nievo) nel mio biglietto di auguri di fine 2019. Un anno caratterizzato, per me, proprio dal ritorno, dopo tanti anni, al giornalismo vero, quello in cui si cercano, si programmano, si richiedono e si scrivono contenuti originali. Grazie a Orwell.live ho sperimentato il peso quotidiano della

Sergio Ramelli può unire un’Italia che troppi vogliono divisa?

0 views

Abbiamo appena finito di pubblicare un articolo che riporta un lungo elenco di infamie commesse contro la memoria dei martiri delle Foibe (e non è che la punta dell’iceberg di violenze taciute dai media). Intanto pochi giorni fa il Tribunale di Milano ha condannato in appello (dopo averli assolti in primo grado) 11 ragazzi colpevoli

“Cammino tricolore” un modo nuovo per ricordare

/
0 views

Un modo semplice, non retorico, condiviso e partecipato di ricordare il dramma delle Foibe, rendendo viva l’immagine dell’italianità di quella tragedia nei suoi due aspetti: quello del genocidio di nostri connazionali e quello della perdita di territori dalla grande storia e tradizione culturale latina. L’idea, felicemente sposata dal Comune di Busto Arsizio e realizzata dalla

10 febbraio: perché è un Giorno “speciale”

/
0 views

Il 30 marzo 2004, veniva promulgata la legge istitutiva della Solennità civile nazionale del Giorno del Ricordo per: «conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale». Una

Luci e ombre di un progetto “storico”

0 views

L’Italia, lo sappiamo per aver avuto per mesi i balconi pieni di bandiere arcobaleno, è un Paese che ama la Pace e lo ribadisce con una annuale marcia ad Assisi dove si abbraccia tutto il mondo buonista, immigrazionista, accogliente democratico che conta. Eppure, questa volta, il “Piano di pace” presentato dai presidenti americano, Donald Trump,

Cronaca di una notizia da ignorare: «Il marito della Segre era almirantiano»

0 views

Chi è Liliana Segre pensiamo sia noto al 90% degli italiani: se ne parla tutti i giorni da settimane e mesi. Prima per le minacce on line (una fake news di Repubblica); poi per la Commissione parlamentare “contro l’odio”; successivamente per le decine di visite a scuole, Università, istituzioni; e ancora per la scorta concessa

Marcello Veneziani: «Ecco come si reagisce al declino»

/
0 views

Atteso da mesi, annunciato da pochi, è in distribuzione da oggi “Dispera bene. Manuale di consolazione e resistenza al declino”, l’ultimo libro di Marcello Veneziani (Marsilio Editori). Un saggio snello (160 pagine) ma denso di pensieri e di riflessioni, scritto con quello stile leggero, a volte allegorico, sempre brillante che Veneziani eredita dalla sua attività

Tutto quello che volevate sapere sulla Libia (e che a Berlino non hanno detto)

0 views

Consentiteci una premessa che, in realtà, è il cuore stesso dell’articolo. Già normalmente, quando si parla di rapporti diplomatici, non bisogna mai credere ai “rumors”, cioè a quello che viene fatto trapelare e che alcuni giornalisti sciocchi o prezzolati pubblicano pedissequamente facendo così gli interessi di una o dell’altra parte. Quando, poi, le trattative riguardano