Alberto Gonnella

INCHIESTA plasma (3): gli affari della famiglia Marcucci

/
14.420 accessi unici

È davvero strano l’assordante silenzio del ministro Roberto Speranza dinanzi alle manovre del suo Ministero (d’intesa con l’Agenzia del farmaco) per assegnare la sperimentazione nazionale sulla cura con il “plasma immune”. Come abbiamo visto ieri la capofila naturale di questa sperimentazione doveva essere Pavia o Mantova che (lo abbiamo documentato qui) sin da marzo hanno

INCHIESTA -2: a chi fa paura la cura con il plasma?

/
4.790 accessi unici

Seconda parte – Abbiamo visto ieri come la sperimentazione iniziata a Mantova dal dottor Giuseppe De Donno, in collaborazione con il Policlinico San Matteo di Pavia abbia dato subito ottimi risultati che sono diventati la base di un protocollo ormai mondiale per l’uso del plasma immune nella cura del Covid-19. Abbiamo visto, anche, come questo

INCHIESTA: a chi fa paura la cura con il plasma?

/
4.435 accessi unici

Prima parte – Un mese fa gli italiani apprendevano, per la prima volta, che la cura con il plasma immune per contrastare il Covid-19 funzionava. Da quel giorno, tra il silenzio del ministro della Salute, Roberto Speranza, il “disprezzo” dei guru alla Burioni e gli imbarazzanti omissis dei media di regime, sono iniziate le difficoltà

Le mascherine fantasma di Arcuri

/
3.820 accessi unici

Non dimentichiamo mai cosa rispose il presidente del Consiglio il 27 gennaio, ospite di Lilli Gruber, a una domanda sui rischi che il coronavirus potesse colpire anche in Italia? Rispose: «Siamo prontissimi. Tutti i protocolli di prevenzione sono stati attivati. L’Italia in questo momento è il Paese che ha adottato misure cautelative all’avanguardia rispetto agli

Il giallo delle autopsie vietate

/
30.505 accessi unici

Niente autopsie per i morti da coronavirus e cremazioni immediate. Sembra la trama di una spy story, strategia perfetta per far sparire qualsiasi possibilità di accertare le reali cause di morte. Invece è proprio quello che ha disposto il governo, e più precisamente il ministro della Salute, Roberto Speranza, contraddicendo gli anatomo patologi che indicavano

Meno tv… più verità

/
5.450 accessi unici

Ancora una volta si evidenziano due Italie: da una parte quella del mondo reale, che affronta la realtà e trova soluzioni; dall’altra quella del mondo delle parole, dell’apparenza, delle teorie che vive sugli schermi e nei palazzi. In questo caso, da una parte ci sono i medici impegnati negli ospedali a guarire i malati, utilizzando

Ultimi al mondo nella gestione del Covid-19… grazie Conte

/
11.570 accessi unici

Come avevamo anticipato ieri, pubblichiamo i dati relativi all’analisi approfondita – realizzata da Deep Knowledge Group – su dati raccolti in 200 Paesi nel mondo. DKG, che è un consorzio di organizzazioni commericali e non profit, specializzato nella realizzazione di “raking” per analisi economiche, ha focalizzato l’attenzione su 60 di essi che hanno dovuto affrontare

Chi sono gli amici internazionali della Cina?

/
2.895 accessi unici

Sempre più appare chiaro che la pandemia che ha sconvolto l’Occidente è venuta dalla Cina e che, anche per la negligenza e i colpevoli ritardi di tanti governi, ora dovremo tutti affrontare una gravissima crisi economica che cambierà la scena geopolitica globale, con lo “scontro” che già si annuncia fra il presidente americano Donald Trump

Fase 2… ecco l’uomo del Caos

/
5.800 accessi unici

Si apre… non si apre. Si esce… No, non si esce. C’è chi apre il 4 maggio o forse il 18, magari l’11. I più “sfigati” l’1 giugno, ma non è detto, magari prima. Oppure dopo, dipende. Si possono andare a trovare i congiunti, ma fino a che grado e fino a quanti chilometri di

Adesso anche Gori accusa il governo

/
0 accessi unici

È chiaro che, Giorgio Gori, sindaco Pd di Bergamo, adesso sente forte la pressione (anche giudiziaria) per l’irresponsabile iniziativa del 25-26 febbraio (#bergamononsiferma, con annessa cenetta pubblica con la bella moglie Cristina Parodi). Già nei giorni scorsi aveva accennato a chiedere scusa, riconoscendo di aver sbagliato a imitare quell’altro irresponsabile di Beppe Sala. Adesso, però,

1 2 3 11