La tua startup negli USA? La guida (gratuita) di ICE

tempo di lettura 4 minuti

Oltre 200 i partecipanti presenti al webinar organizzato nel pomeriggio dall’ICE di New York, alla presenza dell’ambasciatore d’Italia negli Stati Uniti Armando Varricchio. Un evento digitale per il lancio della nuova “Guida pratica per le startup innovative che vogliono entrare nel mercato USA”. È destinata agli startupper italiani che vedono negli Stati Uniti una delle maggiori opportunità internazionali in termini di accesso ai capitali e sviluppo commerciale dei propri servizi e prodotti.

L’evento si è sviluppato con un dinamico panel, moderato dalla giornalista Maria Teresa Cometto, alla presenza di alcuni dei principali player dell’innovazione italiana negli USA. Per citarne alcuni abbiamo Simone Tarantino, autore della guida e lead mentor dell’acceleratore ERA di New York. In passato ha lavorato in Intel, Acer e attualmente è attivo tra startup e piattaforme multimediali negli USA (AudioBox.pfm, GalleryRecords, PodcastFarm).

Andrea Calcagno, chairman, CEO e co-founder di Cloud4Wi, azienda di location based insight sui consumatori, con tecnologie all’avanguardia nel nuovo marketing omnichannel. Un’azienda ormai affermata a livello internazionale che mantiene un cuore di ricerca e sviluppo in Italia. Josephine Pace, CEO di AlfaGreen Solutions e founder di Expandya, che ha fondato la branch americana dell’azienda, offrendo soluzioni integrate green in grado di interpretare i trend più innovativi ed attuali del mercato nordamericano.

Marta Ghiglioni, esperta di innovazione e fintech della Singularity University e membro del consiglio di amministrazione di Walliance, considerata tra le quindici donne italiane più influenti nell’innovazione da Digitalic. Ha avuto esperienze lavorative con Unicredit e Italia Fintech.

Francesco De Stefano, CEO e co-founder di Caracol. Ha partecipato al Global Startup program dell’ICE nel 2019 fondando una branch americana della propria startup, raggiungendo risultati sempre più incoraggianti nella manifattura additiva con prodotti e servizi innovativi in grado di incrementare efficienza, sostenibilità, adattabilità alle esigenze di progettazione e ai campi di applicazione più estremi.

L’ambasciatore Varricchio ha aperto i lavori dell’evento sottolineando come «la pandemia abbia accelerato un processo di rapida transizione tecnologica e come la nascita di una nuova imprenditorialità, la creazione di innovazione e di nuove startup siano fattori fondamentali per trainare la ripresa». Varricchio ha anche sottolineato come «le nostre startup, gli strumenti di sostegno alle stesse forniti dal Governo italiano e la grande apertura del mercato americano all’innovazione e alla creatività italiane forniscono, anche in questa fase complessa, un’opportunità unica per un’espansione del dinamico settore delle startup italiane negli USA».

Il coordinatore della rete ICE negli USA, e direttore dell’Ufficio ICE di New York, Antonino Laspina, è intervenuto sottolineando l’impegno dell’Agenzia ICE per promuovere l’internazionalizzazione e lo sviluppo delle startup italiane.

Di fatto ha evidenziato come «il rilascio di questa guida per le startup vuole essere un ulteriore passo al fianco dell’imprenditoria e dell’innovazione italiana. Un agile manuale per muovere i primi passi sul mercato americano con elementi utili su temi di primaria importanza come il fundraising, gli attori del sistema (incubatori, acceleratori, angel investor, fondi di venture capital), il sistema societario americano ed il quadro normativo».

Laspina ha inoltre concluso ricordando che «siamo partiti dalle domande che gli startupper italiani, ma anche molte PMI, ci rivolgono nel dialogo quotidiano con i nostri uffici. Abbiamo organizzato le nostre risposte ed i nostri consigli in una vera e propria bussola per il primo orientamento, per passare gradualmente dall’informazione alla formazione delle competenze per arrivare presto ad una promozione efficace sul mercato».

Al termine dei lavori tutti i partecipanti hanno ricevuto in anteprima una copia digitale della guida, che è disponibile nel sito web ICE, a questo link.

Articolo precedente

Falcone, Borsellino e il marcio da spazzare via

Prossimo articolo

Orwell si è fermato in Cina. Prima parte: il social credit

Gli ultimi articoli di Blog