Sirimavo Bandaranaike

La prima donna a fare carriera in politica

1 min read

Il 21 luglio 1960 è una data memorabile in quanto per la prima volta nella storia una donna diventa primo ministro di uno Stato. Si tratta di Sirimavo Bandaranaike, esponente politico dello Sri Lanka. La donna entrò a far parte del mondo della politica dopo la morte del marito Solomon, fino a quel momento capo del governo. L’uomo venne ucciso nel ‘59 da un estremista buddhista.

Sirimavo vinse quindi le prime elezioni nel 1960, però poi fu costretta a dimettersi nel 1965 a causa della sconfitta del SLFP (Sri Lanka Freedom Party). Tornò alla guida del governo solo cinque anni dopo mettendo in atto una coalizione tra il partito comunista e quello trotzkista. In questo periodo il Paese dovette affrontare una serie di situazioni difficili: la crisi economica e i contrasti tra la maggioranza cingalese e la minoranza Tamil.

Nel 1977 la donna venne privata dei diritti civili in quanto accusata colpevole di abuso di potere durante il suo ultimo mandato. Portò avanti la sua carriera fino al 2000, quando una brutta malattia la costrinse a ritirarsi dal suo incarico. Morì due mesi dopo a causa di un infarto.

 

 

Articolo precedente

Orwell si è fermato in Cina. Prima parte: il social credit

Prossimo articolo

Da Europa dei Popoli a gara di Rutte: perché l'accordo e questa Ue sono un bluff

Gli ultimi articoli di Blog