Rimaniamo in contatto

Ciao, cosa stai cercando?

Innovazione

La merce siamo noi? Allora facciamoci pagare

Privacy e dati personali: un binomio da sempre fonte di conflitti date le continue violazioni della privacy che subiamo quando andiamo online (e non solo) e le innumerevoli appropriazioni indebite delle nostre informazioni personali da parte di compagnie, aziende, inserzionisti e “spioni” online, che li utilizzano per i loro fini (scopi di lucro o peggio), al punto che – com’è noto – la legge che vige su Web dove tutto sembra gratis è che, in realtà, «la merce sei tu», siamo noi.

Arriva però adesso un nuovo progetto, che promette non solo di ridare agli utenti il controllo sui propri dati personali, ma anche di monetizzarli nel momento in cui, bene o male, siano condivisi con aziende e compagnie: per la serie, se non puoi evitare il problema per lo meno guadagnaci tu ed evita che a guadagnarci siano solo gli altri, aggiungendo danno a danno. L’iniziativa si chiama «Data Dividend Project» e parte direttamente dall’America, in particolare dalla California. In che cosa consiste?

«I nostri dati sono di nostra proprietà. Riprendi il controllo dei tuoi dati», è il motto del progetto. Andrew Yang, il fondatore, vuole che le persone vengano pagate per i dati che condividono su grandi piattaforme tecnologiche come Facebook e Google, e con il lancio del suo nuovo progetto crede di poterlo realizzare.

Il progetto Data Dividend di Yang è un nuovo programma incaricato di stabilire i diritti di proprietà dei dati in base alle leggi sulla privacy come il California Consumer Privacy Act (CCPA) in tutto il Paese. Il programma spera di mobilitare oltre 1 milione di persone entro la fine dell’anno, concentrandosi principalmente sui californiani, e «aprire la strada a un futuro in cui tutti gli americani possano rivendicare i propri dati come un diritto di proprietà e ricevere pagamenti» se scelgono di condividere i loro dati con piattaforme.

All’inizio dell’anno, la CCPA è entrata in vigore, garantendo ai consumatori un nuovo controllo sui loro dati online come il diritto di eliminare e rinunciare alla vendita delle loro informazioni personali. Non c’è nulla nella legge sulle società tecnologiche che pagano per i dati, ma il nuovo progetto di Yang sta cercando di mostrare che l’idea è popolare tra gli elettori.

Il progetto Data Dividend punta sull’azione collettiva come mezzo per modificare la legge ed estendere i diritti di proprietà dei dati agli utenti in tutto il paese. Se questa idea diventa legge, il team di Yang afferma che funzionerà per conto degli utenti per aiutarli a essere pagati.

«Siamo completamente sovrastati dalle aziende tecnologiche», ha detto Yang a The Verge. «Ci vengono regolarmente presentati termini e condizioni in “contratti” che nessuno legge mai. Siamo costretti a fare clic su di essi e sperare per il meglio. E sfortunatamente, il meglio non accade mai».

In passato legislatori come il senatore John Kennedy hanno introdotto una legislazione che restituiva diritto di proprietà alle persone per i dati generati online[1], ma tutte le misure come questa non sono riuscite a guadagnare molto slancio al Congresso. Alcune persone temono che la proprietà dei dati sia l’approccio sbagliato alla protezione della privacy degli utenti online e incentiva gli utenti a vendere la loro privacy invece di proteggerla.

Pubblicità. Scorrere fino a continuare la lettura.

«È una domanda rispetto a cui i nostri legislatori sono stati sostanzialmente assenti», ha detto Yang. «Penso che ci siano accordi ancora migliori che dovremmo spingere a livello legislativo».

Il modulo di iscrizione al progetto chiede alle persone di inserire tutti gli indirizzi e-mail che usano online per aiutare a identificare quante piattaforme stanno attualmente sfruttando i dati di una persona. Chiede inoltre agli utenti di fornire le loro informazioni PayPal in modo che soldi eventualmente ottenuti dalle piattaforme possano essere depositati direttamente sul conto di un utente.

Gli utenti che vengono pagati per i dati che creano sono un’idea popolare tra alcuni pensatori della tecnologia come Jaron Lanier, qualcuno da cui Yang afferma di essere stato influenzato. Facebook paga già alcuni utenti per i dati, ma solo in circostanze specifiche.

L’anno scorso, la società ha lanciato la sua app Study che ha pagato gli utenti che hanno permesso alla società di monitorare le funzionalità utilizzate e il tempo trascorso sulla piattaforma. All’inizio di quest’anno, Facebook ha persino offerto di pagare alcuni utenti per le registrazioni vocali per migliorare la propria tecnologia di riconoscimento vocale.

Ma il progetto Data Dividend di Yang vuole aumentare ulteriormente il pagamento dei dati fondandoli nella legge, non solo qualcosa che le piattaforme fanno occasionalmente per servizi specifici.

«È quel primo giorno in cui le persone vengono pagate con il loro dividendo tramite DDP for All sarà un grande giorno perché puoi immaginare migliaia e persino decine di migliaia di americani che ottengono qualcosa nella loro App PayPal o Cash», ha detto Yang. «Anche qualcosa come $ 20, $ 50 o $ 100, e lo diranno ai loro amici, e possiamo cambiare le pratiche in tutto il settore».

Pubblicità. Scorrere fino a continuare la lettura.

Una battaglia per la privacy e per una maggior tutela dei dati personali che vede da sempre, tra i suoi principali protagonisti, Edward Snowden, che proprio di recente ha fatto parlare di sé con le sue dichiarazioni sulle misure prese dai governi in tempi di Coronavirus.

In un’intervista durante il Copenhagen International Documentary Film Festival[2] ha infatti dichiarato: «Le misure di emergenza passate tendono ad essere appiccicose. L’emergenza viene espansa, poi le autorità iniziano ad abituarsi ad alcuni dei nuovi poteri. E infine i nuovi poteri iniziano a piacere».

Ragione di più per tenere alta l’attenzione sul tema della condivisione dei propri dati personali e dare fiducia a nuove iniziative come Data Dividend Project.

 

[1] «Sen. John Kennedy (R-La.) Introduces Social Media Data Privacy Legislation», John Kennedy, United Stated Senator for Louisiana.
[2] «Snowden: Il controllo governativo nato per il coronavirus continuerà anche dopo», Nino Grasso, HWUpgrade.
Avatar
Articolo di

Articoli che potrebbero interessarti

Innovazione

Il 9 settembre scorso su Netflix è uscito The Social Dilemma, che il regista statunitense Jeff Orlowski ha imperniato sull’influenza che i social network...

Politica

Non è strano che Giuseppe Conte abbia appena annunciato di voler riformare dalle fondamenta Quota 100 e Reddito di cittadinanza, due misure che il...

English

Many fans of the Matrix trilogy will certainly remember the famous definition of Morpheus who, explaining to Neo the differences between the real world...

Primo piano

intuizione di Maria Pia Rossignaud e Derrick de Kerckhove: il «gemello digitale», ovvero il nostro io convertito nei bit di cui è composta la...

Vorremmo avvisarti quando pubblichiamo nuovi articoli!