dirigibile

Dalla mongolfiera al dirigibile

1 min read

La navigazione aerea di fine 800 avveniva principalmente grazie alle mongolfiere, mezzi certamente geniali, ma penalizzati da numerosi punti deboli riguardanti la lentezza, la difficoltà nel controllarle, e la limitata capienza. Non dimentichiamo inoltre che l’equipaggio era costretto a stare all’aperto. Così la mongolfiera lasciò spazio al più moderno dirigibile.

L’ingegnere tedesco Ferdinand Von Zeppelin ideò il primo rivoluzionario modello il 2 luglio 1900 e lo battezzò Zeppelin LZ 1. Data la sua lunghezza di 128 metri era considerato un vero e proprio gigante dei cieli. Il suo primo volo, che ebbe luogo dal lago di Costanza, durò appena 18 minuti a causa di un guasto tecnico.

La nascita del primo dirigibile ha avuto un’importanza tale che tuttora la parola “Zeppelin” è utilizzata per indicare tutti i tipi di aeronave rigida.

Molti di questi aeromobili furono utilizzati anche durante la prima guerra mondiale.

L’era dei dirigibili si interrompe con la tragedia del velivolo Hinderburg, che si incendiò nel 1937 mentre stava per attraccare al pilone di sostegno. Fu così che anche il dirigibile uscì di scena per fare spazio all’aeroplano.

Articolo precedente

Berlusconi, il giudice Franco e la sCassazione

imballaggi
Prossimo articolo

TgPop: I numeri green degli imballaggi

Gli ultimi articoli di Blog