Photo Credit: Dan Farber

Edison, Bezos, & Zuckerberg seguono la regola dei 10mila esperimenti

Pubblichiamo la brillante analisi di Michael Simmons, imprenditore e autore per Time, Fortune e Harvard Business Review

tempo di lettura 19 minuti

In un mondo in rapido cambiamento la sperimentazione è più importante della pratica.
Molte persone pensano che Edison abbia inventato la prima lampadina.
Hanno torto.
Piuttosto, Edison era incredibilmente in ritardo.

Nel 1878, quando l’inventore aveva 36 anni decise di concentrarsi sulla costruzione di una lampadina, altri 23 avevano già inventato le prime versioni chiamate lampade ad arco, alcune delle quali venivano utilizzate commercialmente per illuminare strade e grandi edifici.

Quindi, come ha fatto Edison a vincere in un settore così inflazionato se era così indietro?

Lui e il suo team hanno trascorso un anno di lavoro giorno e notte facendo migliaia di esperimenti. Il 21 ottobre 1879, ci riuscirono, creando una lampadina per l’uso domestico quotidiano.
Edison avrebbe continuato a fare da pioniere in cinque diversi campi da molti miliardi di dollari con la sua fabbrica di invenzioni: elettricità, film, telecomunicazioni, batterie e registrazione del suono. In termini odierni, possiamo pensare a Edison come Elon Musk, Jeff Bezos e Mark Zuckerberg tutti insieme.
Qual è stata la chiave dell’incredibile successo di Edison? In una parola: sperimentazione. Per Edison, costruire un’azienda era sinonimo di costruzione di una fabbrica di invenzioni.
La tecnica è altrettanto potente oggi. «Il nostro successo su Amazon dipende da quanti esperimenti facciamo ogni anno, al mese, alla settimana, al giorno», ha affermato Jeff Bezos. In un’intervista, Mark Zuckerberg ha spiegato che «una delle cose di cui sono più orgoglioso è la chiave del nostro successo è questa struttura di test… In un dato momento, non esiste una sola versione di Facebook in esecuzione. Ce ne sono probabilmente 10.000».

Bezos e Zuckerberg non stanno dicendo che la sperimentazione è una delle molte strategie. Stanno dicendo che è LA strategia. In questo articolo, vedremo come luminari in molti campi usano la sperimentazione e come potrai usarla per aumentare le probabilità di successo nella tua vita professionale e personale.

Perché il metodo 10.000 esperimenti batte quello delle 10.000 ore

Forse l’attuale formula di successo più nota è la regola delle 10.000 ore resa popolare da Malcolm Gladwell. L’idea è che hai bisogno di 10.000 ore di pratica per diventare un artista di livello mondiale in qualsiasi disciplina o settore.

La ricerca ora ci dice, tuttavia, che questa formula è tristemente inadeguata per spiegare il successo, specialmente in campo professionale. Una revisione del 2014 di 88 studi precedenti ha rilevato che «la pratica ha spiegato il 26% della variazione nelle prestazioni per i giochi, il 21% per la musica, il 18% per lo sport, il 4% per l’istruzione e meno dell’1% per le professioni. Concludiamo che la pratica fine a se stessa è importante, ma non così importante come è sostiene Gladwell».

Questo diagramma che ne riassume i risultati, farà ricredere anche i più convinti sostenitori della regola delle 10.000 ore:

Ciò significa che la mera pratica può aiutarti in campi che cambiano lentamente o per niente, come la musica e lo sport. Ti aiuta ad avere successo quando il futuro assomiglia al passato, ma è quasi inutile in aree che cambiano rapidamente, come la tecnologia e il business.
Ciò che Edison e altri (vedi gli esempi di seguito) ci insegnano è che dovremmo massimizzare il numero di esperimenti, non delle ore.

Invece della regola delle 10.000 ore, abbiamo bisogno di quella che chiamo la regola dei 10.000 esperimenti.

Nel corso della storia, il metodo scientifico ha probabilmente prodotto più progressi umani di qualsiasi altro approccio. Al centro del metodo scientifico c’è la sperimentazione: sviluppare un’ipotesi, eseguire un test per dimostrare l’ipotesi giusta o sbagliata, analizzare i risultati e creare una nuova ipotesi basata su ciò che hai appreso. La regola dei 10.000 esperimenti porta questo comprovato potere di sperimentazione fuori dal laboratorio e nella vita di tutti i giorni.

Seguire la regola dei 10.000 esperimenti significa iniziare la giornata non solo con un elenco di cose da fare ma con un elenco di “test da provare” come Leonardo Da Vinci. Secondo Walter Isaacson, uno dei biografi di Da Vinci, «ogni mattina il suo trucco è stato: fare un elenco di ciò che vuole sapere. Perché la gente sbadiglia? Che aspetto ha la lingua di un picchio?»

Durante la giornata, seguire la regola dei 10.000 esperimenti significa cercare costantemente opportunità per raccogliere dati piuttosto che fare semplicemente ciò che è necessario. Significa aggiungere un processo di riflessione basato sulla revisione dei dati prima della fine della giornata.

Per esempio, vuoi migliorare i tuoi risultati di vendita ponendo una nuova domanda alla fine delle chiamate ai tuoci contatti? Ora ogni chiamata di vendita diventa un’opportunità per porre quella domanda e raccogliere dati in modo da poter imparare come effettuare chiamate di vendita migliori in futuro.

Vuoi dormire meglio in modo da poter avere più energia durante il giorno? Puoi ricercare tutte le migliori pratiche per addormentarti, trasformare le più convincenti in una routine, utilizzare un tracker del sonno per ottenere dati oggettivi sulla quantità e sulla qualità del tuo sonno, quindi apportare modifiche alla tua routine per migliorare i risultati.

Per raggiungere 10.000 ore di pratica sono necessarie tre ore di pratica deliberata al giorno per 10 anni. Sostengo che la regola dei 10.000 esperimenti sia altrettanto difficile, ma fattibile, poichè richiede tre esperimenti al giorno.

Perché, secondo decenni di ricerca accademica, 10.000 esperimenti portano al successo

Se l’approccio di Edison è universale, ti aspetteresti che si presenti ripetutamente tra i migliori. A quanto pare, il mondo accademico studia il fenomeno da decenni, ed è esattamente quello che hanno trovato.

Il ricercatore Dean Keith Simonton ha trascorso la sua carriera studiando i principali creativi del mondo e analizzando scrupolosamente le loro carriere per trovare modelli. Per condividere le sue scoperte, ha pubblicato più di 340 articoli accademici e 13 libri, tra cui Greatness: Who Make History and Why e Origins of Genius: Darwinian Perspectives on Creativity.

Due affascinanti intuizioni sono emerse dalla ricerca di Simonton (e di altri). La prima è che le idee più innovative sono generate da un piccolo numero di superstar. In ogni dato campo, il 10% superiore degli artisti produce oltre il 50% delle scoperte.

Perché queste superstar hanno molto più successo? Solamente perché le loro idee sono semplicemente superiori fin dall’inizio? Ecco cosa è davvero affascinante: la risposta è no. La seconda lezione da imparare dalla ricerca di Simonton è che le superstar producono altrettante cattive idee quanto tutti gli altri, la differenza è che producono più idee. Il fatto che abbiano molte più idee significa che collezionino più fallimenti ma anche più successi.

«Ciò che è particolarmente affascinante è che gli individui creativi non sono apparentemente in grado di migliorare il loro tasso di successo con esperienza o competenza avanzata», ha scritto Simonton. «Le persone creative, anche i cosiddetti geni, non possono mai prevedere quale delle loro creazioni intellettuali o estetiche otterrà il plauso».

In altre parole, la chiave per massimizzare il successo creativo, secondo la teoria, sta nel produrre più esperimenti.

Dalla salute al cabaret: la regola dei 10.000 esperimenti si applica in tutti i settori

Quando si considerano molti dei risultati più importanti ottenuti in diversi ambiti, spesso si vede questa teoria in gioco.

Un articolo pubblicato da Fast Company scritto dalle leggende pubblicitarie Ben Clarke e Jon Bond sottolinea che grazie a una combinazione di nuove tecnologie e approcci aziendali snelli, le aziende più innovative del mondo eseguono migliaia di esperimenti ogni anno:

In ambito accademico, Einstein è noto soprattutto per il suo articolo sulla relatività, ma ha pubblicato altri 248 articoli. Paul Erdos è stato coautore di oltre 1.500 articoli di ricerca matematica durante la sua carriera. 1.500! Come ci si potrebbe aspettare, Erdos ha dato un contributo significativo, e sebbene la maggior parte dei suoi articoli siano stati dimenticati, una manciata di loro lo ha reso uno dei matematici più influenti del Ventesimo secolo! Ora considera che meno dell’1% degli scienziati pubblica un articolo ogni anno.

Nel mondo dell’intrattenimento, SNL, uno dei programmi TV più longevi della storia, ha un estenuante processo di sperimentazione settimanale di brainstorming, ricerca e riscrittura degli script. Solo una piccola percentuale di idee non viene mai trasmessa. Le iconiche vignette pubblicate dal The New Yorker sono il risultato di un processo in cui più di 50 liberi professionisti presentano fino a 10 schizzi ciascuno a settimana.

Pixar, uno degli studi cinematografici di maggior successo della storia, ha sviluppato oltre 100.000 storyboard (ovvero sequenze di trama passo-passo) per la trama finale del film Wall-E. 100.000!

Source: Pixar Storyboarding Mini Doc

Coloro che abbracciano con entusiasmo la sperimentazione nella loro vita personale tendono anche a trarre benefici significativi. Prendete, ad esempio, Shonda Rhimes, produttore e autore di Grey’Anatomy, Scandal e altri show di successo. Ha avviato un esperimento che ha chiamato The Year of Yes per affrontare la sua debilitante ansia sociale, limitare la sua maniacalità sul lavoro e accettarsi. Invece di dire continuamente no alle esperienze sociali, si è impegnata a dire di sì per un anno intero. Tra le molte lezioni che ha imparato dall’esperienza, c’è stata quella di sapere su cosa concentrarsi prima di provare molte cose.

L’imprenditore Jia Jang ha preso qualcosa che la maggior parte di noi teme – il rifiuto – e lo ha trasformato in un esperimento con il suo progetto 100 Days of Rejection. Ogni giorno per 100 giorni si è costretto a fare qualcosa di socialmente imbarazzante, in cui il risultato sarebbe stato probabilmente un rifiuto (cioè, chiedere di giocare a calcio nel cortile di qualcuno), il tutto mentre si registrava da solo. La giornalista Elizabeth Gilbert ha lasciatolavoro e matrimonio per trascorrere un anno in giro per il mondo alla scoperta di se stessa. Ha diviso l’anno in tre esperimenti: mangia, prega e ama. La sua esperienza si è trasformata in un libro e film di successo. Il giovane imprenditore Ari Meisel ha usato i dati e la sperimentazione per curare il suo Morbo di Crohn, che secondo i medici non poteva essere curato.

Source: To Become Who You Want To Be, Try These 15 Life Experiments

Comprensione della formula: se riesci a fare abbastanza esperimenti, il successo è praticamente garantito

Se la sperimentazione è così potente, perché non la praticano più persone?
Ci sono alcuni motivi …

Innanzitutto, viviamo in una cultura ossessionata dalla produttività: fare di più in meno tempo, sistematizzare, automatizzare e persino esternalizzare. Se uno ha una struttura di produttività a breve termine, è estremamente difficile prendere del tempo libero per coltivare un processo creativo con risultati imprevedibili che non ripagano immediatamente. Ciò che è produttivo a lungo termine spesso non sembra produttivo a breve termine.

Inoltre, l’esecuzione di esperimenti richiede molto tempo. Per fare un po’ di apprendimento ogni giorno sono necessari almeno 15 minuti, e ciò è reso ancora più difficile dal fatto che la maggior parte degli esperimenti fallisce. Sebbene il fallimento sia sempre più celebrato nella nostra società, la maggior parte delle persone ha ancora un sentimento viscerale di vergogna e delusione che ne derivano.

Sono stato in grado di superare la mia paura del fallimento quando ho capito la formula che si nasconde dietro alla sperimentazione.

1. Se fai abbastanza esperimenti, le probabilità sono a tuo favore. La qualità di ogni esperimento successivo aumenta perché tenderai ad applicare le lezioni apprese da esperimenti precedenti. Queste lezioni rendono la curva del tuo successo esponenziale piuttosto che lineare.

2. Una grande vittoria paga più che abbastanza per tutti gli esperimenti persi, come ha spiegato Jeff Bezos in un rendiconto finanziario presso la SEC (Securities and Exchange Commission):

Data una probabilità del dieci percento di una ricompensa di 100 volte, dovresti scommettere ogni volta. Ma sbaglierai ancora nove volte su dieci. Sappiamo tutti che se ce la metti tutta, colpirai male molto spesso, ma farai anche dei gol all’incrocio dei pali. La differenza tra calcio e business, tuttavia, è che il calcio ha una distribuzione dei risultati limitata. Quando oscilli, non importa quanto bene colpisci la palla, ogni gol vale uno. Nel mondo degli affari, una volta ogni tanto, quando arivi davanti alla porta, puoi segnare 1.000 punti.

Source: Nassim Taleb

3. Gli strumenti di oggi consentono a chiunque di aumentare la quantità di sperimentazione di un ordine di grandezza. Una nuova generazione di app, servizi e tracker convenienti ci aiuta a conoscere ciò che funziona per le altre persone, a raccogliere dati su noi stessi, a interpretarli, a essere responsabili e a monitorare i nostri progressi in tempo reale. Nello spazio sanitario, ad esempio, questi nuovi strumenti hanno portato al biohacking e a movimenti spontanei quantificati in cui le persone usano livelli di glucosio nel sangue, sonno, attività, frequenza cardiaca, bioma intestinale e genetica per facilitare la loro sperimentazione. Esplosioni di sperimentazione simili stanno avvenendo nel mondo delle relazioni, della sessualità, dell’intelligenza, della felicità, della produttività e delle finanze personali.

Se così tante persone in così tanti campi possono incorporare una sperimentazion, anche tu puoi farlo!

Cosa possiamo imparare da Edison sull’applicazione nella vita reale della regola dei 10.000 esperimenti

Edison non intendeva solo essere più innovativo. Ha creato una fabbrica di sperimentazione per garantire che lui e il suo team potessero costantemente far uscire nuove invenzioni. L’obiettivo di Edison, ad esempio, era un’invenzione minore ogni 10 giorni e un’invenzione maggiore ogni sei mesi. Quando era sulla soglia di un’importante svolta, come la lampadina, ha avuto un processo unico chiamato “caccia alla resistenza” in cui avrebbe generato e testato centinaia, persino migliaia di possibilità.

Quindi, come potrebbe essere lo stile di vita di 10.000 esperimenti per te?
Ora ti consiglio di fare due passi che potrebbero cambiare tutto.

Innanzitutto, identifica almeno un esperimento con un “jackpot” che potrebbe cambiarti la vita. La strada per la sperimentazione inizia con un esperimento, ma non tutti gli esperimenti sono creati uguali. Alcuni esperimenti richiedono molto tempo e denaro. Alcuni creano cambiamenti incrementali, mentre altri potrebbero cambiare la vita. Alcuni hanno una probabilità dell’1% di successo. Altri sono una scommessa sicura. Quando scegli un primo esperimento con jackpot da perseguire, vuoi proseguire un esperimento che sia facile da fare in termini monetari e temporali, abbia il potenziale per cambiare la vita e abbia una ragionevole probabilità di pagare. Chiamo questi “esperimenti con il jackpot”.

In secondo luogo, consiglio di testare i tuoi esperimenti tre volte al giorno. Quando inizi la giornata, identifica tre prove che desideri eseguire. Raccogli dati per tutto il giorno e prima che finisca il giorno, analizza i risultati.

Prova questo per un mese o 30 test e vedi la differenza che fa!

Vai all’articolo originale

Articolo precedente

Pensioni alle Forze Armate: facciamo chiarezza

Prossimo articolo

Noi imprenditori: Carlo Gallelli

Gli ultimi articoli di Blog