Rimaniamo in contatto

Ciao, cosa stai cercando?

Coronavirus

Coronavirus, le previsioni di Goldman Sachs

Conclusioni sulla chiamata di Goldman Sachs Investee in cui sono state contattate 1.500 aziende.

Di seguito i risultati economici più rilevanti:

Il 50% degli americani contrarrà il virus (si stima quindi 150 milioni di persone) poiché è trasmissibile con grande facilità. Il virus è alla pari del comune raffreddore (Rhinovirus) di cui esistono circa 200 ceppi e che infetta la maggior parte degli americani dalle 2 alle 4 volete all’anno.

Il 70% della popolazione tedesca contrarrà il Coronavirus (quindi 58 milioni di persone). Questa è la seconda economia industriale più rilevante che verrà aggredita dal Virus.

Il picco del virus è atteso per le prossime otto settimane, in seguito si prevede un calo.

Il virus sembra essere concentrato in una fascia tra i 30-50 gradi di latitudine nord, il che significa che, come il raffreddore e l’influenza comuni, predilige il freddo. L’arrivo della bella stagione e dell’estate nell’emisfero settentrionale dovrebbe aiutare l’opposizione alla pandemia. Questo si indica che il virus è probabilmente di tipo stagionale.

Relativamente agli infetti, l’80% rimarrà nella fase iniziale, il 15% passerà a una fase intermedia mentre il 5% verserà in condizioni critiche. I sintomi nella fase iniziale assomigliano a quelli del comune raffreddore, nella fase intermedia appaiono come la classica influenza; quindi si consiglia di rimanere a casa per due settimane e riposare. Quel 5% che invece è in fase critica respiratoria interessa soprattutto i pazienti anziani.

Tasso di mortalità del virus raggiunge anche medie del 2%, a maggior ragione nei confronti degli anziani e di persone immunocompromesse; significa, nel caso americano, di una stima di 3.000.000 persone (150.000.000 * .02). Negli Stati Uniti circa 3 milioni persone all’anno muoiono principalmente a causa della vecchiaia e della malattia, essendo queste due cause altamente correlate (in percentuale pochissime persone muoiono per incidenti). Ci saranno quindi significative sovrapposizioni tra il Coronavirus e le cause di morte descritte sopra, quindi ciò non significa che avremo 3 milioni di morti in più per il virus, ma significa che le persone anziane e più soggette moriranno prima a causa dei problemi respiratori. Questo ritmo elevato può stressare il sistema sanitario.

C’è un dibattito su come affrontare il virus in attesa che venga scoperto un vaccino. Gli Stati Uniti propendono per la quarantena. Il Regno Unito tende consentire la diffusione del Virus in modo che la popolazione si possa sviluppare un’immunità di gregge. È probabile che la quarantena sia inefficace e comporti un danno economico significativo, ma rallenterà certamente la velocità di trasmissione dando al sistema sanitario più tempo per gestire il carico dell’emergenza.

L’economia cinese è stata ampiamente colpita, il che ha interessato le materie prime e la catena di approvvigionamento globale. Il recupero potrebbe richiedere fino a sei mesi.

Il tasso di crescita del PIL globale sarà il più basso in 30 anni, a circa il 2%.

Si stima che l’indice S&P 500 registrerà un tasso di crescita negativo dal -15% al -20% per il 2020 .

Se ci saranno danni economici procurati dal virus stesso, il danno reale è influenzato principalmente dalla psicologia del mercato. I virus sono da sempre stati parte della storia dell’umanità. I mercati azionari dovrebbero riprendersi completamente nella seconda metà dell’anno.

La scorsa settimana si abbiamo assistito all’impatto del virus sullo sviluppo della guerra dei prezzi del petrolio tra KSA (Regno dell’Arabia Saudita ndt) e Russia. Mentre la riduzione dei prezzi dell’energia è generalmente un aspetto positivo per le economie industriali, gli Stati Uniti sono un grande esportatore di energia, quindi si è registrato un impatto negativo sulla valutazione del settore energetico domestico. Ciò continuerà per qualche tempo mentre i russi tenteranno di spremere economicamente i produttori americani di scisto e i sauditi sono intrappolati nel mezzo, non volendo cedere ulteriormente quote di mercato alla Russia o agli Stati Uniti.

Tecnicamente il mercato è generalmente alla ricerca di un motivo per ripristinarsi dopo il l’andamento rialzista più lungo della Storia.

Non esiste alcun rischio sistemico. Nessuno ne sta nemmeno parlando. I governi stanno intervenendo sui mercati per stabilizzarli e il settore del private banking è molto ben capitalizzato. Sembra più l’11 settembre che il 2008.

Noemi Galbiati
Articolo di

Annuncio Il Predestinato 2

Articoli che potrebbero interessarti

Bollettino Covid

I numeri di domenica 29 novembre: su 176.934 tamponi fatti i negativi sono stati 156.286, 13.642 i guariti e 541 i deceduti.

Bollettino Covid

I numeri di sabato 28 novembre: su 225.940 tamponi fatti i negativi sono stati 199.617, 24.214 i guariti e 686 i deceduti.

Bollettino Covid

I numeri di venerdì 27 novembre: su 222.803 tamponi fatti i negativi sono stati 194.451, 35.467 i guariti e 827 i deceduti.

Bollettino Covid

I numeri di giovedì 26 novembre: su 232.711 tamponi fatti i negativi sono stati 203.708, 24.031 i guariti e 822 i deceduti.

Vorremmo avvisarti quando pubblichiamo nuovi articoli!