Ecco come nasce una fake news

Cronaca di una grave e vergognosa bufala, subito cavalcata dalla politica, dal mainstream asservito e non smentita dai siti “specializzati”

0 Accessi unici
Tempo di lettura 6 minuti

Ci riferiamo a una notizia che ha fatto scalpore ed è finita su tutti i giornali e telegiornali (Tgcom, SkyTg24, Tg7 per primi) che riguarda la sassaiola contro studenti cinesi avvenuta a Frosinone per colpa, ovviamente, dei soliti fascisti, razzisti, xenofobi.

Alle 18.46 di lunedì 3 febbraio, infatti, l’Ansa titola con risalto: “A Frosinone sassi contro studenti cinesi”. Scrivendo di una «Sassaiola contro gli studenti di nazionalità cinese dell’Accademia di Belle Arti di Frosinone. L’episodio lo riferisce il presidente del Consiglio regionale del Lazio Mauro Buschini del Pd ed è emerso da una conferenza stampa della direttrice dell’Istituto Loredana Rea e del presidente della Consulta degli studenti Luca Spatola. All’origine, secondo quanto riportato, il caso di una studentessa cinese malata risultata poi negativa al test eseguito allo Spallanzani».

Viene fatto anche un secondo lancio in cui viene riportato il duro commento del Pd Buschini. «È un episodio gravissimo, senza precedenti, un’autentica vergogna. Mi auguro che gli autori di questa follia possano essere perseguiti dalla giustizia e si rendano conto dell’assurdità che hanno commesso, nella speranza che vogliano pentirsi e chiedere scusa».

A commentare la vicenda interviene niente meno che Nicola Zingaretti, presidente della Regione e segretario nazionale del Pd: «Io sono senza parole, spero che i responsabili siano coscienti di dover rispondere di questa vergogna. Se la disinformazione porta addirittura a gesti pericolosi come questo, dobbiamo impegnarci tutti e di più per raccontare la verità e le notizie corrette. Solidarietà alle vittime di una vera e propria aggressione». Il caso “monta” con l’intervento addirittura di un ministro: Elena Bonetti (sì, quella che di Bibbiano non parla mai) che definisce l’episodio «gravissimo e inaudito».

Unica voce fuori dal coro, subito sommersa da ululati di indignazione, quella del sindaco leghista di Frosinone, Nicola Ottaviani, che definisce la sassaiola “fantomatica”.

Passano 24 ore ed ecco che la Digos, dopo aver effettuato le verifiche del caso, accerta che la notizia era davvero assolutamente infondata. Ed ecco il meccanismo che l’ha generata, così come ricostruito dalla Polizia di Stato (che ha pure denunciato per procurato allarme i protagonisti):

  1. il professore che ha reso pubblico l’episodio informando i giornalisti non aveva nessuna conoscenza diretta degli accadimenti ma:
  2. aveva riferito informazioni raccolte da un’altra professoressa. Quest’ultima a sua volta riferisce di averle apprese:
  3. da un generico racconto di una studentessa cinese dell’Accademia di Belle Arti secondo cui, su una chat seguita esclusivamente da suoi connazionali…
  4. un altro giovane cinese aveva fatto riferimento a non meglio descritti episodi di “intolleranza” verso cittadini cinesi che sarebbero accaduti a Roma.
  5. Il contenuto di tale conversazione in chat si sarebbe trasformato nella “sassaiola” a Frosinone, a causa di un errato utilizzo del traduttore di Google da parte della studentessa.

Incredibile vero? Sembra il gioco del telefono senza fili (quello della parola detta all’orecchio che dopo sei-sette passaggi viene completamente stravolta) con l’aggravante dell’errore dovuto alla traduzione affidata a Google. Eppure, è questo il meccanismo con cui nasce una “fake news”. Subito cavalcata e strumentalizzata da una parte politica; quindi ossequiosamente e acriticamente ripresa dai media asserviti fino a farne un caso nazionale.

Sembra persino poca cosa il biasimo espresso dal sindaco per la leggerezza con cui dei docenti (che dovrebbero educare i nostri figli) e dei politici hanno montato il caso. Il sindaco ha anche chiesto le scuse ufficiali da parte di quegli esponenti del Pd e del governo che non hanno esitato a gettare fango sui suoi concittadini.

Secondo voi la ministra Bonetti si è scusata? E il segretario del Pd Zingaretti si è scusato? No. Nemmeno il consigliere Buschini, colui che aveva dato la notizia si è scusato, anzi, dopo aver espresso soddisfazione perché la notizia era falsa… si è anche permesso di bacchettare il sindaco affermando, con notevole faccia tosta: «Amareggia che qualcuno, pochi per fortuna e tra questi in prima fila il sindaco di Frosinone, abbia colto purtroppo l’occasione per fare di questa vicenda strumento di polemica politica».
Chiaro? Chi ha “strumentalizzato” a fini politici è stato il sindaco che ha detto la verità; loro che hanno lanciato la bufala ingannando e indignando tutta Italia, adesso fanno le vittime.

Interessante anche andare a vedere il comportamento di quei siti che si autoproclamano “antibufala”. Su “Bufale.net”, sommersa da un mare di insulti e polemiche contro Salvini, troviamo una striscia rossa con tre fotonotizie, di cui una riguarda la “notizia vera” di una petizione online per far chiudere i canali social di Salvini, mentre un’altra riguarda proprio la sassaiola di Frosinone. La categoria è “Analisi in corso” e il titolo “Gli enormi dubbi sulla sassaiola di Frosinone contro studenti cinesi per coronavirus”. Il testo è del 4 febbraio, giorno in cui era ormai acclarato che fosse una fake ripresa da esponenti del Pd.

A oggi “Bufale.net” non è ancora riuscito a trovare la forza di scrivere che si tratta della bufala più grande e più grave degli ultimi mesi. Evidentemente perché una bufala “made in Pd” è scomoda, quindi meglio non informare lettori e follower.

Lascia un commento