Pensiero critico: Alain Finkielkraut

La modernità non solo ha accerchiato le trincee dello spirito, ma minaccia le esistenze dei popoli.

0 views
9 mins read

La nostra epoca è caratterizzata dall’eclissi del pensiero e dalla decadenza della cultura. Due costanti che nel Ventesimo secolo sono state evidenti non soltanto alle élites  intellettuali. Esse, peraltro, si erano manifestate fin da quando i Lumi imposero il loro dominio nel nome della Ragione, la cui pretesa era quella di spazzare via lo “spirito del popolo” soppiantandolo con le costruzioni astratte del positivismo e del relativismo.

Il Novecento è stato il trionfo della destrutturazione dell’anima: la decadenza della civiltà occidentale affonda le radici in questo humus arato dalle filosofie minimaliste che hanno deificato l’inessenziale e il provvisorio decretando la scomposizione dell’unità metafisica che aveva segnato il cammino dell’uomo verso la conquista di un equilibrio consapevole con la natura, la libertà, l’autorità.

Non so se Alain Finkielkraut (1949), accademico di Francia,  uno degli intellettuali più lucidi e anticonformisti transalpini, circa trent’anni fa, licenziando La sconfitta del pensiero (Lucarini) immaginava che la sua descrizione della decadenza culturale sarebbe stata superata dagli eventi e si sarebbe aggravata al punto di temere l’acuirsi della frattura tra le ragioni dell’essere e il sentimento dell’abbandono. È probabile, comunque. Anche perché, nel frattempo, il filosofo francese, non diversamente da altri pensatori della sua stessa generazione, ha continuato a produrre idee in linea con quelle esposte in questo saggio. Ne sono esempi Noi, i moderni (Lindau) e L’identità infelice (Guanda).

Il dirompente discorso sull’identità ripropone quello più complessivo sulla decadenza. Anzi ne è la conclusione più efficace sotto il profilo della mutazione antropologica della Francia e dell’Europa. 

La riflessione sulla decadenza delle società occidentali, sostiene Finkielkraut, è da ascrivere  alla crisi del pensiero e della cultura. Anzi, al fatto, così caratterizzante, che la cultura sia divenuta oggetto di consumo e sostanzialmente “relativizzata”, nel senso che nel suo ambito tutto è cultura perché niente è, assolutamente e in maniera esclusiva, “cultura”.

Nell’universo consumistico non c’è spazio per l’essenza dell’agire umano; l’essere si ritrae non vergognoso, ma disgustato; l’appiattimento è la morale prevalente; la sola ascesi consentita è l’happy end desiderabile come una fuga dalla confortevole prigione che ci siamo costruiti. Nulla è più appagante che tuffarsi nelle voluttà del “pensiero unico” dove si annidano le piccole ambizioni che corrispondono ai modelli della pubblicità e ai linguaggi imposti attraverso televisione, internet, svaghi capaci di colmare il vuoto che altrimenti ucciderebbe l’homo consumans. 

La cultura, insomma, è un grande magazzino nel quale, dall’Illuminismo in poi, come spiega Finkielkraut ripercorrendo la storia delle contraddizioni del pensiero europeo, si trova di tutto e dove ognuno può cercare ciò che più gli piace.
La barbarie, dunque, s’è imposta secondo quella linea di pensiero, una sorta di strategia della demolizione. Perché ognuno si senta più libero, naturalmente; perché non ci siano più condizionamenti, è ovvio; perché la speranza di vivere in sintonia con le proprie tradizioni, le proprie storie, le vecchie care abitudini venga inesorabilmente spazzata via. Sicché tutte le opere dello spirito vengono sommerse dalla subcultura e Aristotele vale quanto un concerto rock, Shakespeare un paio di stivali firmati, una cattedrale gotica sta sullo stesso piano di una chiesa in cemento armato che assomiglia ad una stazione ferroviaria.

La prostituzione del pensiero, dunque, dopo la demolizione e la dissacrazione della conoscenza. Cultura e subcultura si tengono per mano.

Poco importa che le differenze tra culture siano riconoscibili: resta il pregiudizio per cui anche nell’ambito delle culture “altre”, non europee o occidentali, non è dignitoso scegliere, valutare, respingere. Un concerto di musica maliana, dominato da uno strumento ancestrale come la kora, dove i griot, vecchi cantastorie dell’impero mandingo, ripropongono un mondo tradizionale, un approccio culturale che un antropologo come Frobenius avrebbe salutato quale indice di vitalità di un popolo, non vale niente di fronte ad un paio di jeans firmati o a semplicistiche canzonette che se ne vanno nel vento. Nella migliore delle ipotesi, il tutto sta sullo stesso piano.

Non senza ragione e con molta amarezza Finkielkraut osserva che «la parola d’ordine di questo nuovo edonismo, che rifiuta sia la nostalgia che l’autocritica, è scoppiare», nel senso che i suoi “apostoli”, i liberatori insomma – intellettuali, costruttori di mode, anchormen, ecc. – da veri “padroni del pensiero” della modernità, non vogliono una società regolata secondo il diritto naturale, o quantomeno rispondente a canoni di civile ed accettabile convivenza, ma a una “società polimorfa”, perciò essi non raccomandano «tanto il diritto alla differenza quanto l’ibridismo generalizzato, il diritto di ognuno alla specificità dell’altro. Secondo loro, multiculturale significa ben fornito; non sono le culture in quanto tali che essi apprezzano ma la loro versione edulcorata, la parte di esse che si può sottoporre ad un test, assaporare e gettare dopo averne fatto uso. Consumatori e non conservatori delle tradizioni esistenti, sono i clienti-re che scalpitano davanti agli impedimenti che ideologie vetuste e rigide frappongono alla realizzazione del regno della diversità».

Malinconica diagnosi; tristissima descrizione di una condizione che non ammette repliche. Finkielkraut neppure si lascia sedurre dalle possibilità, per quanto remote, di una rinascita. Del resto, come potrebbe? Noi tutti siamo figli delle contraddizioni di due secoli, amorevolmente coltivate, immensamente desiderate: il risultato non poteva essere più umiliante: «Un fumetto che combini un intrigo palpitante con delle belle immagini, vale un romanzo di Nabokov, ciò che leggono le lolite vale Lolita; uno slogan pubblicitario efficace vale una poesia di Apollinaire o di Francis Ponge; un ritmo di rock vale una melodia di Duke Ellington; una bella partita di calcio vale un balletto di Pina Baush; un grande sarto vale Manet, Picasso, Michelangelo; l’opera di oggi – quella della vita, del clip, del jingle, dello spot – vale largamente Verdi o Wagner. Il calciatore e il coreografo, il pittore e il sarto, lo scrittore e il concettualista, il musicista e il suonatore di rock sono, allo stesso titolo, dei creatori». Come si fa a mettere le idee a posto?

In  Noi, i moderni  Finkielkraut, formula una vera e propria dichiarazione di guerra al conformismo contemporaneo.La modernità non solo ha accerchiato le trincee dello spirito, ma minaccia le esistenze dei popoli. Da qui il grande tema dell’identità che ci tiene in apprensione. La crisi della convivenza è diventata una tragedia.

Gli europei non sanno più chi sono e i nuovi arrivati perdono a loro volta l’identità che si sono portati dietro. Un continente brulicante nullità culturali va dispiegando la propria impotenza all’insegna del relativismo. Senza il riconoscimento dell’eredità non c’è futuro. Per nessuno.

== Per “Pensiero critico” sono già stati pubblicati: Roger Scruton, Paul Valéry, Eduard Limonov,  Panfilo Gentile, Emil Cioran, Douglas MurrayWerner Sombart, Paul Kirchhof

Lascia un commento