Il senso della Libia per la Turchia: rinasce l’Impero ottomano?

Erdogan prepara la sua “campagna di Libia”, in uno scenario geopolitico completamente nuovo con il dualismo turco-russo a sostituire l’ingerenza americana, mentre l’Europa... resta a guardare

tempo di lettura 6 minuti

Inizia con questo articolo la collaborazione a Orwell.live del professor Paolo Quercia, docente di Studi strategici all’Università di Perugia. Analista e consulente per le relazioni internazionali ha lavorato per il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero degli Affari Esteri, il Centro Alti Studi per la Difesa e con numerosi think tank italiani e stranieri. Coordina il think-net CeNASS, che promuove un rilancio della politica estera italiana a partire dalle aree di vicinato. Siamo, quindi, molto onorati di accogliere e pubblicare le sue analisi che contribuiscono a rendere ancora più libera e autorevole la nostra voce.

***

La missione del presidente Recep Erdogan in Tunisia ha rappresentato un altro importante filo della tela diplomatica che la Turchia sta tessendo da anni nel Mediterraneo con l’obiettivo di ristabilire nella regione nuove forme di controllo geopolitico, un secolo dopo la caduta del Califfato ottomano.

Erdogan – che già supporta il governo di Tripoli, anche in ragione della presenza tra le sue file della componente della Fratellanza mussulmana – ha risposto positivamente, nelle scorse settimane, alla richiesta di ulteriori aiuti militari da parte di Fayez al-Sarraj, il presidente del Governo di Accordo Nazionale (GNA) basato a Tripoli. La capitale è da otto mesi sotto crescente pressione militare da parte delle milizie della Cirenaica del generale Khalifa Haftar, sostenute da Egitto, Russia, Emirati Arabi Uniti e, in parte, dalla Francia. Le truppe di Hafftr hanno come obiettivo quello di prendere la città, cacciare le milizie islamiste dalla capitale e instaurare un governo nazionalista e secolare.

L’offensiva si è però arenata, anche grazie al maggiore coinvolgimento della Turchia, che ora minaccia di entrare massicciamente nel conflitto: tra pochi giorni il Parlamento turco approverà la possibilità di inviare le proprie forze armate in Libia, mentre cresce il flusso di armi, mezzi e, secondo alcune fonti, anche di combattenti stranieri.

Per garantire al GNA questo supporto militare l’appoggio della Tunisia è determinante, visto che le frontiere terrestri e marittime tra Tunisia e Libia sono la principale porta d’accesso ai territori controllati dalle forze governative.

Da ottobre il nuovo presidente tunisino è il costituzionalista Kais Saied, conservatore anti-establishment, eletto con il 75% dei voti dopo una campagna anticorruzione dai forti tratti populisti e con il sostegno dei partiti islamisti del Paese. Dopo il libico al-Sarraj, Erdogan è stato il primo capo di Stato a incontrare il neoeletto presidente tunisino.

Il presidente turco è giunto a Tunisi con una nutrita delegazione, composta dal ministro degli Esteri, dal ministro della Difesa e dal capo dei servizi d’intelligence. Ha incassato la non ostilità della Tunisia al contestato accordo turco-libico di delimitazione dei confini marittimi e ha allineato le posizioni dei due governi per la conferenza di Berlino sulla Libia, dopo aver ottenuto dalla Germania l’inclusione di Tunisi alla conferenza internazionale prevista per gennaio.

La collaborazione tra i due Paesi sarà, dunque, testata nella conferenza di Berlino, dove Tunisi verificherà la fattibilità del piano di pace per la Libia che sta preparando con il sostegno dell’Algeria. La collaborazione tra Turchia, Tunisia e Algeria mira a bilanciare l’influenza che l’Egitto potrebbe avere nei futuri assetti interni del Paese, nel caso di una vittoria di Haftar. Tra le altre cose, Tunisi, Ankara e Algeri sono accomunate, per motivi differenti, dal tentativo di evitare che in Libia si duplichi il modello politico dell’egiziano al-Sissi.

Però, per la Turchia c’è molto di più. Per Ankara la partita libica rappresenta, dopo la sostanziale sconfitta subita nel conflitto siriano, un’occasione di rivincita geopolitica nel cuore del mondo arabo, nel Paese baricentrico tra Maghreb e Mashreq, capace di influenzare entrambi. Un tentativo, forse troppo ambizioso, di recuperare una profondità strategica in parte perduta nel suo estero vicino, Siria e Iraq.

Aumentando la propria azione militare e politica nel conflitto libico e sfruttando le ripercussioni che esso ha nei Paesi confinanti, Ankara ha la possibilità di costruire nel Mediterraneo centrale un nuovo rassemblementgeopolitico per bilanciare quello a lei sfavorevole che si sta configurando nel Mediterraneo orientale tra Grecia, Cipro, Egitto, Israele e Giordania.

A livello più ampio, a fare da sfondo alle recenti iniziative turche, vi è il nuovo gioco geopolitico per il controllo del Mediterraneo, dopo le primavere arabe, che Mosca e Ankara stanno portando avanti.

Questo gioco, che ha come prima vittima sacrificale una sempre più marginale Europa, si fonda sull’inedito rapporto geopolitico tra Turchia e Russia, radicalmente trasformatosi negli scorsi anni. Un rapporto di dipendenza conflittuale che sta divenendo una simbiosi geopolitica e una spartizione in aree di influenza. In questo senso la Libia sarà, dopo il conflitto nel Mar Nero e dopo quello siriano, un nuovo test cruciale da cui potrebbe rafforzarsi la collaborazione tra i due Paesi.

Sono processi lenti, contraddittori, complessi e rischiosi. Che sono tuttavia facilitati dal disimpegno americano, dall’inconsistenza della politica estera europea e dalla scomparsa di quella italiana.

Lascia un commento

Articolo precedente

With Orwell at Las Vegas CES 2020

Prossimo articolo

Internet? Ti conosce meglio del tuo partner (1)

Gli ultimi articoli di Blog