/

Vi portiamo con noi al CES di Las Vegas

Orwell è tra le startup italiane selezionate dall'Italian Trade Agency per partecipare al CES di Las Vegas

tempo di lettura 3 minuti

Il più grande e influente evento tecnologico al mondo. Questo è il CES (acronimo di Consumer Electronics Show, ndr) di Las Vegas, il vero e proprio banco di prova per tecnologie innovative e innovatori globali. È qui che i top brand fanno affari e incontrano nuovi partner e gli innovatori più brillanti dettano la linea sulle tendenze destinate a segnare il resto dell’anno appena iniziato, ed è sempre qui che gran parte delle tecnologie che nel corso degli ultimi quattro decenni sono state capaci di rivoluzionare il nostro modo di vivere hanno ricevuto il battesimo del fuoco.

Cominciato nel giugno del 1967 a New York come spinoff del Chicago Music Show, nel corso degli anni il CES in termini di innovazione e cambiamento ha sempre tenuto il passo dei propri espositori, mutando più volte forma, sostanza e anche location: New York e Chicago, appunto, ma anche Philaelphia, Orlando, Atlanta e, ovviamente, Las Vegas.

Chi ha letto Orwell, cioè il libro che rappresenta la nostra identità, sa perfettamente che la prima parte riannoda i fili proprio di quelle tappe anche attraverso i racconti di protagonisti assoluti di quella stagione, come il cofondatore di Atari Ted Dabney, giusto per citarne uno.

Ergo, tra quelle pagine c’è anche il CES e il ruolo determinante che giocò nel destino di nuove “creature tecnologiche” come, ad esempio, l’Amiga di Jay Miner e il computer più venduto della storia, il mitico Commodore 64.

Comprenderete bene l’importanza che ha, per la nostra startup, essere stati selezionati per andarci come espositori.

Con oltre 170.000 partecipanti, 4.500 espositori e circa 1.100 leader di settore, quella che una volta era una tradizionale fiera della tecnologia si è trasformata in un evento globale per tutti i settori. «Le aziende di tutti i principali settori utilizzano la tecnologia per trasformare leproprie attività e il CES 2020 sarà il palcoscenico globale per le innovazioni più avanzate in tutti i settori – spiega Karen Chupka, Vicepresidente del CES – l’evento rappresenterà tutti gli aspetti del business globale e partecipanti ed espositori potranno aspettarsi l’inaspettato».

Va da sé che, a partire da oggi, sul nostro Orwell.live vi offriremo la copertura più accurata possibile del CES, partendo proprio dal racconto di quelle performance che hanno segnato indelebilmente il susseguirsi degli avvenimenti caratterizzanti della rivoluzione digitale e, nel corso dell’evento, proponendovi contenuti esclusivi nonché una sorpresa sui generis, ovvero in perfetto stile Orwell. Stay tuned!

 

Lascia un commento

Articolo precedente

Bibbiano: aspettando la conclusione delle indagini

Prossimo articolo

7 – “C’era odio, un odio assurdo”

Gli ultimi articoli di Blog