/

Alessandro Nardone presenta Orwell in Cina

tempo di lettura 2 minuti

Si sta svolgendo in queste ore allo Smart Information Industrial Park di Hangzhou il roadshow dal titolo “Italian Science and Technology Innovation Cooperation Matchmaking Meeting”, a cui è stata invitata a partecipare anche una delegazione di ComoNExT, di cui fanno parte 10 aziende presenti nel parco tecnologico, che avranno così la possibilità di aprirsi al mercato cinese incontrando possibili investitori e partner.

Questa mattina sul palco si sono così alternati Stefano Soliano – direttore di ComoNExT – e i rappresentanti di Hiro Robotics, Factory41, Seam Engineering, Servitly, WebRatio, Up Solutions, Wel, Caracol e, appunto, Orwell, con Alessandro Nardone che si è presentato alla platea con un video che ripercorre alcuni momenti della sua candidatura alle presidenziali americane del 2016, per poi passare a una slide con una grafica che riprende volutamente lo stile della propaganda cinese intitolata: Communication, Information, Revolution.

Un’immagine molto suggestiva, soprattutto in considerazione del contesto, che è servita a Nardone per lanciare la sfida di Orwell: «Sì, vogliamo lanciare una rivoluzione perché con Orwell metteremo a disposizione di tutti strumenti a cui adesso possono accedere in pochi, consentendo ad aziende e professionisti di acquisire nuovi clienti e gestirli con estrema facilità.»

Il CEO & Founder di Orwell ha poi spiegato perché la filosofia di Orwell parta dai contenuti di qualità: «Oggi comunicare non significa parlare dei nostri prodotti o servizi, oppure delle differenze tra noi e i nostri competitor. Per comunicare con efficacia è necessario raccontare le nostre competenze e spiegare quali risultati si possono raggiungere utilizzando le nostre soluzioni.»

La missione continuerà nei prossimi giorni con altri roadshow ad Hangzhou e successivamente a Keqiao, dove gli imprenditori italiani avranno l’opportunità di incontrare altri investitori e i rappresentanti dell’innovation hub comasco creare rapporti con realtà simili presenti sul territorio cinese.

Lascia un commento

Articolo precedente

Giulia Calcaterra: quando i social avverano i sogni

Prossimo articolo

Competence center: storia, opportunità e lacune

Gli ultimi articoli di Blog