/

ULTIM’ORA: a New York Uber sta annientando i tassisti

Corse più che dimezzate e settore in grave crisi

1 min read

Anche a New York, città simbolo dei taxi gialli, Uber sta prendendo sempre più campo. Secondo il rapporto della Commissione dei Trasporti del municipio, dal 2015 a oggi le corse dei tassisti tradizionali si sono più che dimezzate, andando a vantaggio degli autisti senza licenza (e con scarsa trasparenza e sicurezza) della famosa app.

I numeri parlano chiaro: nel 2015 i taxi facevano fino a 12,6 milioni di spostamenti mensili, quelle di Uber non superavano i 2,019 milioni. Secondo i dati appena diffusi, Uber il mese scorso ha realizzato almeno 14 milioni di corse, contro le poco più di 6 milioni dei taxi gialli. Come in altri Paesi, anche negli Stati Uniti, per esercitare la professione di tassista occorre prendere una costosa licenza e pagare le tasse

Nonostante gli appelli e alcune misure restrittive, la concorrenza sleale di Uber pare inarrestabile e, nella Grande Mela, i tassisti e i conducenti di auto a noleggio continuano a perdere clienti.

Lascia un commento

Articolo precedente

Arrivano gli Unicorni francesi: e noi?

Prossimo articolo

Bibbiano, il ruolo di Foti. Tortorella: «Travestiti da lupo per convincere i bambini a denunciare abusi inesistenti»

Gli ultimi articoli di Blog