/

Sergio Malagoli: “Con la piattaforma di Orwell guadagnerete di più lavorando meno”

tempo di lettura 4 minuti

Nato agli albori della rivoluzione digitale, Sergio Malagoli è CTO (acronimo di Chief Technical Officer) del Progetto Orwell, per il quale sta curando lo sviluppo della nuova Piattaforma. Per capire in concreto che cos’è, come funziona e cosa ci permetterà di fare, lo abbiamo intervistato.

Sergio, come nasce l’idea della piattaforma?

Dalla volontà di risolvere il problema della comunicazione sia per un freelance sia per un’azienda. Questo ha portato Orwell a pensare di creare un unico ambiente digitale dove poter accedere e avere sottomano tutti gli strumenti che consentono di gestire tanto la parte commerciale quanto quella comunicativa di un’azienda di qualsiasi dimensione.

Quali risultati permetterà di raggiungere?

Per dirla in parole semplici: Orwell ci consentirà di guadagnare di più lavorando di meno, questo attraverso l’utilizzo di contenuti e strumenti di alta qualità, seguendo il Metodo Orwell spiegato nel libro di Alessandro Nardone.

Vuoi provare a spiegarcela?

La piattaforma al suo interno offre 4 servizi. Il primo è Make, che consente di gestire tutto il portafoglio clienti e la parte progetti attraverso un project management; poi Share per la gestione, in un unico applicativo, di tutti i canali di comunicazione (sito, social, analytics e così via) e Send, che permetterà all’azienda di eliminare le innumerevoli mail, sia interne che esterne (di clienti, fornitori e altro). Questi tre strumenti saranno collegati a Content, il market place aperto a tutti i creatori di contenuti: giornalisti, blogger fotografi e videomaker, che potranno aprire il proprio profilo attraverso il quale vendere i propri lavori alle aziende o ai privati iscritti alla piattaforma, che potranno così comunicare attraverso contenuti di altissima qualità.

A chi si rivolge questa piattaforma?

A qualsiasi utente che abbia la necessità di gestire al meglio la propria presenza online e la gestione dei propri clienti. L’utente di questa piattaforma potrà essere un professionista, un freelance, un’agenzia o un’azienda che debbano gestire un certo numero di clienti, inoltre risulterà molto utile a qualsiasi persona che vorrà migliorare la propria brand identity.

Qual è la sua forza?

Viviamo in un’epoca in cui sentiamo sempre dire: «il tempo è denaro», è per questo che abbiamo bisogno di ottimizzare il nostro tempo. Con Orwell si potrà fare. La piattaforma funzionerà appena i potenziali clienti percepiranno le innumerevoli funzionalità innovative che questa offre. Con il tempo questa piattaforma diventerà essenziale per tener sotto controllo la gestione commerciale e comunicativa della propria attività.

In cosa si differenzia dalla concorrenza?

Stiamo creando un prodotto in cui non esiste concorrenza: la nostra piattaforma, non ha un diretto competitor, in quanto nessuno ha mai realizzato un sistema che permetta di far interagire tutti questi strumenti fra loro.

Davvero sul mercato non esiste qualcosa di simile?

No, il sistema Orwell è unico, perché è figlio di una vision unica, la nostra identità, che è quella enunciata nel libro. È questa la caratteristica che ci differenzia. Ci sono molti CRM, social automation e market place di contenuti, ma nessun sistema li racchiude tutti insieme in un unico pacchetto. Poi c’è un’altra cosa..

Quale?

Orwell sarà anche un social network, tutto improntato alla qualità: niente censure ma un criterio molto semplice, ovvero per potersi iscrivere sarà necessario presentare un documento d’identità. Quindi niente profili fake, solo persone vere.

Lascia un commento